Cemento cellulare

Divano di cemento cellulare

3
divano cemento cellulare
 

Realizzazione fai da te di costo limitato

Realizziamo un divano di cemento cellulare; con questa tecnica possiamo anche realizzare sedie, sgabelli e tavoli.

Nel progettare l’arredo va tenuto conto del fatto che una volta costruiti questi non sono “mobili” ma blocchi assolutamente stabili (è il loro pregio) e del tutto inamovibili.

Se lo vogliamo montare sul terreno del prato dobbiamo prima spianare e sarchiare il terreno e poi stendervi un telo di tessuto non tessuto coperto da un altro telo di robusto PVC (quello per le serre o la copertura dei ponteggi), il primo per evitare la ricrescita dell’erba ed il secondo per fermare la risalita dell’umidità che alla lunga potrebbe sgretolare il materiale.

I blocchetti di cemento cellulare e la speciale malta adesiva per unirli tra di loro sono reperibili nei magazzini per edilizia e nei più grossi centri bricolage.

 

IL PROGETTO

Stabilite, secondo il disegno qui riportato o secondo i propri gusti, le misure dei vari pezzi, prepariamo la dima di montaggio con un pannello di truciolare di 800×600 mm con inchiodati o avvitati i listelli d’appoggio.

La costruzione di tutti i pezzi richiede solo tagli a 90° tranne che per i supporti degli schienali, tagliati a 100°.

 

 

 

TUTTO FATTO CON ATTREZZI MANUALI

  1.  Poggiato lo schienale sul pannello, gli accostiamo contro il primo elemento della seduta dopo averne spalmato il bordo con abbondante malta adesiva stesa con una manara a denti larghi.
  2. Montato il primo rango di pannelli vi incolliamo sopra, se del caso sfalsando le giunte, il secondo rango. Le lastre della seduta si rinforzano inserendovi listelli longitudinali.
  3. Quando la malta adesiva ha fatto sicuramente presa ed è ben secca rifiliamo col saracco tutti i bordi sporgenti (la foto è solo indicativa: per tagliare senza rischio di distacco il pannello verticale occorre bloccarlo con strettoi o con l’aiuto di un volenteroso).
  4. Tutti gli spazi interni vanno riempiti con frammenti di betoncell e schiuma poliuretanica.
  5. Completato il montaggio di tutti i pannelli e, come prima, a malta adesiva perfettamente secca, tutti i bordi si lisciano ed eventualmente si smussano con una pialla Surform o una raspa a dentatura media.
  6. Raddrizzato il “mobile” lo completiamo incollando i restanti pannelli contro il lato finora appoggiato alla dima di montaggio e, a colla asciutta, pennelliamo tutta la superficie con uno strato di malta piuttosto fluida.
  7. Quando la prima mano è quasi asciutta stendiamo col frattazzo americano una seconda mano, spessa tre o quattro millimetri, di malta adesiva che poi…
  8. …quando è quasi asciutta lisciamo accuratamente con un frattazzo di spugna inumidita che dovrebbe lasciare una superficie a specchio o quasi. Idropitture o smalti da esterni completano il lavoro.

UTENSILI
Metro, segaccio, spatola dentata, manara, raspa, stretoio, fratazzo

Vedi anche

3 Commenti

  1. tutto bello

     
  2. Buongiorno,
    qual è il penso di una simile struttura? si può realizzare su un balcone o su un terrazzo?
    Grazie
    Dante

     
    1. Se balcone o terrazzo non sono a sbalzo, ma poggiano su murature portanti, non dovrebbero esserci problemi

       

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *