MacchineSport

Come costruire un go kart fai da te

5
come costruire un go kart, go kart fai da te, telaio go kart, go kart artigianale
 

Ecco come costruire un go kart fatto in casa con motore e materiale di recupero, curato in ogni dettaglio meccanico

Come costruire un go kart a motore partendo da zero? Si parte da un sedile da go-kart e da pezzi di recupero da un motorino: il gruppo motore, con pulsante di massa e tubo di scappamento, la corona dentata con catena e il serbatoio. Il telaio del go kart è quasi tutto in tubolare di ferro saldato, con elementi di angolare e piattina.

Per costruire go kart si devono prevedere gli appoggi per il motore, i sostegni del sedile e quelli anteriori per il gruppo sterzo e i pedali.  Il motore è fissato con bulloni passanti, che si inseriscono nei fori già presenti sul motore stesso e su quelli realizzati in corrispondenza sui supporti di piattina.


Dove occorre precisione nella tensione e nell’allineamento, i fori sono sostituiti da asole per una migliore regolazione dei bulloni prima di stringerli.

Le ruote motrici sono quelle posteriori, collegate a un unico asse, una barra d’acciaio Ø 20 mm, con freno a disco e ruota dentata per la trasmissione del movimento dal motore. Le ruote go kart anteriori sono invece mobili su braccetti sterzanti, collegati tramite tubo dello sterzo al volante. I pedali di freno e acceleratore devono essere muniti di fine corsa e accorgimenti per evitare rottura del filo.

Andiamo alla scoperta dei go kart fatti in casa!

Come costruire un go kart fai da te? Tutto parte da un sedile di recupero

sedile go kartCiò che altri gettano via, per un fai da te diventa ispirazione di realizzazioni nuove e persino complesse. La semplice vista di un sedile da go-kart ancora in buono stato, abbandonato vicino a un cassonetto, ha fatto immaginare subito come abbinarlo a un nuovo telaio, ruote e ingranaggi, per costruire un veicolo di sana pianta.

Tanto più avendo a disposizione uno scooter non più idoneo a circolare, ma con il motore ancora funzionante. La realizzazione ha comunque richiesto una notevole competenza meccanica, oltre che abilità manuale per la messa a punto e la sicurezza.

Go kart artigianale, occorre disegnare un progetto

come costruire un go kart

Telai fai da te go kart in tubolare saldato

telaio go kart, tubolare saldato

Costruire un telaio e assolutamente fondamentale. Per il telaio kart cross viene utilizzato del tubolare quadro di ferro da 30x30x3 mm, sia per i longheroni, sia per le chiusure anteriore e posteriore, sia per i tre traversi principali interni. Sulla traversa posteriore si pratica un’asola per sorreggere la parte centrale del motore.

I diversi supporti del telaio fai da te per motore, serbatoio e bobina sono spezzoni di piattina sagomati, forati e saldati. Le traverse centrali sono di appoggio al sedile, dopo avervi inserito tre spezzoni a croce di piattina da 3 mm curvata per adattarsi alla sagoma.

Le traverse anteriori del go kart telaio sono invece di angolare 3x30x30 mm. Su una traversa anteriore sono saldati a V rovesciata due spezzoni di piattina con un tubo idraulico di diametro 22 mm per l’asse dello sterzo.

Assale posteriore go kart unico

assale go kart

  1. Su una piattina di spessore 8 mm, forata per fissarla al telaio, si salda un anello di tubo con cuscinetto all’interno per l’alloggio del semiasse.
  2. Da un lato dell’asse si inserisce il disco del freno fissato con flangia a foro centrale Ø 20 mm, bloccata con bulloncino M 6.
  3. Dall’altro si inserisce la corona dentata sempre con flangia e bulloncino. Le flange sono bloccate sulla barra con bullone trasversale M8.
  4. Per un bloccaggio solidale si interpongono distanziali in tubo di ferro a diametro 21 mm tra le flange, i vari ingranaggi, i cuscinetti e le ruote. È buona norma lubrificare cuscinetti auto con prodotti specifici.

Semiasse e snodo per lo sterzo

semiasse go kart

  1. Il mozzo per le ruote anteriori è costituito da un bullone M20 parzialmente filettato saldato a una “U” con uno spezzone di piattina.
  2. Lo sterzo si inserisce all’interno di uno spezzone di tubo idraulico e in un tappo idraulico femmina da ½” saldati al telaio.
  3. La “U” del mozzo, forata, si imbullona al telaio, la piattina al braccetto sterzante, sul bullone filettato si monta la ruota.

Piastra sul canotto e braccetti di rinvio

bracciatti di rinvio, sterzo go kart

  1. Il blocco sterzante è costituito da robusta lamiera spessa 5 mm. Su un lato corto è saldato uno spezzone di tubo, che a sua volta ha saldati due dadi per rendere il tutto solidale con l’asse.
  2. I braccetti sono imbullonati da un lato alla piattina del mozzo, dall’altro al blocco sterzante centrale, mediante bulloni M12 con dado di sicurezza.
  3. Il braccetto sterzante è costituito da una barra filettata rivestita con un pezzetto di guaina corrugata in gomma, con due “uniball” avvitati alle estremità.

Due pedali con il tondino

pedale in ferro

  1. I pedali di freno e acceleratore sono ricavati da spezzoni di tondino zigrinato da edilizia piegato e sagomato. Come cerniera si salda alla base un tubetto di ferro. Il tutto è completato da un lungo bullone M12.
  2. Il ritorno del pedale è assicurato da una molla tesa tra una robusta rondella sul pedale e un angolare sul telaio. Altri spezzoni fanno da regolazione e fine corsa.

Supporto motore

motore

Per sorreggere il motore si realizzano con piattina i supporti sagomati, forati e muniti di asole, da bloccare al telaio. Il motore è imbullonato e i fori asolati servono per allineare il pignone alla corona dentata prima di bloccare.

Finitura del go kart

go kart fai da te

La struttura è verniciata con antiruggine e smalto. Oltre ai pezzi di supporto e movimento occorre pensare alle protezioni. Servono carenature di parti in movimento, blocchi di fine corsa e altri accorgimenti fondamentali per limitare i pericoli e i danni dovuti a manovre errate.

PEr avere informazioni a 360° sul mondo del go-kart consigliamo la vista al forum italiano di go Kart

Video go kart fai da te

Acquista subito ciò che ti serve per costruire il tuo go kart fai da te

Come costruire un go kart per bambine
Quale soddisfazione supera quella che può dare lo svolgere un lavoro che appassiona e contemporaneamente gratifica una persona cara con un regalo bello e desiderato? Per i 4 anni della nipotina Sonia, il nostro lettore Guido Ricci ha pensato a un
regalo impegnativo, assecondando la passione della bimba: un go-kart di dimensioni adeguate, capace di muoversi avanti e indietro grazie a un motore elettrico a batterie. La fase progettuale è stata lunga e laboriosa perché non c’erano a disposizione campioni cui fare riferimento e nemmeno da cui prendere qualche spunto.

Quindi tutto è stato ponderato sulla base delle comuni cognizioni di meccanica e facendo appello all’esperienza di provetto far da sé. Già la valutazione delle dimensioni del veicolo è stata del tutto arbitraria, dovendo pensare a ciò che una bimba di quell’erà potesse manovrare potendoci salire e sedervisi, ma nel contempo potesse avere a bordo tutto il necessario per muoversi da solo, ovvero un motore elettrico e le batterie per alimentarlo. Seguendo questa logica, il go kart per bambini prende corpo attorno a un telaio di dimensioni 1000×350 mm, caratterizzato da due longheroni longitudinali di scatolato d’alluminio 40×30 mm di sezione.

Essendo l’elemento portante, a questo si collegano tutte le parti che completano la ciclistica, ovvero l’avantreno, con le geometrie di sterzo, e il retrotreno con l’assale rigido collegato con trasmissione a cinghia al motore elettrico. Quest’ultimo, per poter essere alimentato a batteria, viene scelto di derivazione automobilistica; per l’esattezza si usa quello di un tergicristalli di una vettura di grossa cilindrata, mentre per le batterie se ne recuperano un paio da 12 V da un sistema d’allarme. Empirica la soluzione del rapporto di trasmissione: pur calcolando la demoltiplica mediante i diametri delle pulegge, ignorando la coppia del motorino del tergicristalli, le prime ruote montate hanno dato come risultato una velocità del go-kart troppo lenta, quindi sono state sostituite con altre quattro di diametro maggiore, recuperate da una vecchia auto a pedali.

 

progetto go kart

Motore e trasmissione del go kart per bambini

trasmissione

  1. Il motore di tergicristallo trasmette il moto alle ruote tramite cinghia e pulegge. è montato posteriormente, in modo da ricadere in corrispondenza dell’asse posteriore delle ruote. è sostenuto da una serie di piastre di alluminio di notevole spessore, in modo che non ci siano torsioni anomale, e ha un fissaggio a due punti, uno dei quali asolato, per poter tendere la cinghia di trasmissione nel modo corretto. Le piastre di sostegno sono direttamente imbullonate ai longheroni del telaio.
  2. Le due batterie da 12 V che alimentano il motore sono collegate in parallelo per poter aumentare l’autonomia del go-kart, mantenendo corretto il voltaggio dell’alimentazione per il motorino del tergicristallo utilizzato. Nel circuito è previsto l’inserimento di un fusibile, di un interruttore generale per disattivare il mezzo e di una presa per collegare il caricabatterie.
  3. L’azionamento della marcia del go-kart avviene tramite un pedale che non è un acceleratore, bensì un bilanciere che aziona un interruttore doppio a tre posizioni: al centro sta fermo, premuto in avanti dà corrente con una polarità che aziona il motore in un senso (avanti), premuto indietro il motore viene alimentato con polarità invertita e il veicolo procede in retromarcia.
  4. Al retrotreno le ruote sono collegate direttamente da un asse, con cui sono solidali. La puleggia sull’asse è fissata con una vite passante, mentre all’incrocio con i longheroni del telaio il sistema prevede un blocco con cuscinetto, per eliminare il più possibile gli attriti.

Sterzo e avantreno

sterzo e avantreno

  1. Gli elementi principali dell’avantreno sono direttamente fissati ai due longheroni del telaio (A). Il piantone dello sterzo (B) è mantenuto in posizione, ovvero con la tipica inclinazione verso l’abitacolo, mediante il supporto di due elementi trasversali: un primo, posto alle estremità dei longheroni, è un tubo di diametro 20 mm (C); nella sua mezzeria si trova fissato saldamente un segmento scatolato (D) che riceve l’estremità inferiore del piantone, lasciandogli però la possibiltà di ruotare liberamente su sé stesso. Il secondo è una barra filettata (E) posta dopo le ruote, sostenuta da due staffe (F) fissate ai longheroni in posizione rilevata in modo da fornire al piantone un valido punto di supporto. In quel punto il tubo del piantone attraversa un blocchetto di legno massello (G) forato da parte a parte in modo da lasciar girare senza frizione lo sterzo, mentre la barra filettata di sostegno, che attraversa anch’essa il legno, è fissata saldamente di lato tramite dadi e rondelle (H).
  2. Elemento fondamentale dello sterzo sono i due braccetti di rinvio che, seguendone la rotazione, devono trasmettere direzionalità alle ruote. Per farlo vanno collegati al piantone con una staffa a U imbullonata in modo fisso con un perno centrale che va innestato in modo solidale nel tubo del piantone.
  3. Cortissimo, il semiasse è immediatamente imbullonato al fusello (un corto segmento scatolato), attraversato dall’alto verso il basso da una barra filettata che ha scopo di perno di rotazione per lo sterzo. Nelle fasi costruttive sono utilizzate le ruote di un carrello, al termine sostituite con quelle definitive, di diametro maggiore, per allungare leggermente il rapporto di trasmissione.
  4. La vista laterale dell’avantreno mostra bene come vengono uniti in modo fisso alcuni elementi, mentre altri sono collegati con possibilità di rotazione uno nei confronti dell’altro. Per esempio il tubo posto trasversalmente fra i longheroni del telaio è fissato ai due scatolati con viti verticali passanti, mentre le ruote, sempre nei confronti dei longheroni, sono fissate tramite una doppia staffa che serra il perno di rotazione dello sterzo.
  5. Visto da sotto, l’avantreno mostra bene come agiscono e su cosa i braccetti di rinvio dello sterzo. Questi, ruotando il volante, sono mossi dall’elemento scatolato solidale con il piantone. Per consentire la regolazione della convergenza, i braccetti sono fissati allo scatolato con bulloni che è possibile avvitare quanto necessita e poi bloccare con un controdado. All’altra estremità, ogni braccetto si articola invece con una piastra sagomata, fissata solidamente con lo scatolato di rotazione della ruota.

Cruscotto, seggiolino e parti della scocca

volante go kart

go kart per bambini

  1. Il volante è ricavato dalla puleggia di alluminio di una lavatrice, tagliando via una parte della circonferenza, compresa una delle cinque razze preesistenti. Il punto tagliato va arrotondato e levigato, in più si mette nell’incavo della cinghia uno spezzone di morbida gomma ripiegato e bloccato alle razze nella parte inferiore.
  2. Il sedile di guida è fatto con legno multistrato sagomato e curvato in alcune parti per ottenere un migliore comfort nella seduta. Inoltre, sui fianchi e all’apice dello schienale, si praticano delle aperture che permettono due prese laterali e una posteriore per tenersi nella salita e discesa dal mezzo.
  3. Buona parte del telaio è coperta dal pianale che regge il sedile di guida e fornisce appoggio ai piedi del conducente. Il pianale è avvitato sui longheroni ed è rivestito di gomma antiscivolo.
  4. Il frontale del go-kart è stilizzato con pezzi di legno multistrato sagomati e, nel caso del musetto, curvati; la necessità, oltre l’estetica, è quella di dare supporto al cruscotto e fornire un terzo punto d’appoggio per il piantone del volante.

Consigli per l’acquisto di un go kart

Vedi anche

5 Commenti

  1. bellissimo!!! sarei interessato a realizzarne uno simile, mi potresti mandare la tua mail che ti dovrei chiedere dei consigli riguardante il kart per adulto

     
  2. Carina la costruzione. In questa PeterPan usa come motore un avvitatore , decisamente interessante per una miacchinina : http://www.energialternativa.info/Public/newforum/discussione.php?213716
    Un saluto

     
  3. sarei interessato al kart per adulto ma nn so che motore usare, potete consigliarmene uno

     
    1. Buongiorno Enrico,

      Per questo progetto si potrebbe optare per un motore mini rok 60 cc.

      Cordiali saluti

       
    2. Motore 50 cc con circa 3 cavalli o in alternativa un bel motore di motosega o motozappa molto potente
      Se vuoi contattami per un motore a poco prezzo 3296221761

       

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Macchine