GiornalistiSedie

Sedia con pallet | Costruzione fai da te utilizzando i bancali

0
sedia con pallet
 

Come costruire sedie recuperando bancali di legno

Esistono oggetti così semplici e geniali da lasciare stupiti: la sedia con pallet fai da te appartiene a questa categoria, ma è solo apparentemente semplice. In realtà la proporzione tra la lunghezza delle gambe anteriori e posteriori deve essere tale da impedire il ribaltamento della sedia con bancali. Inoltre deve offrire una seduta della giusta lunghezza per un comodo appoggio delle gambe e uno schienale reclinato abbastanza per scaricare il peso dalla colonna vertebrale, ma non così tanto da rendere difficile il rialzarsi. Il tutto, nel nostro caso, proporzionato alla lunghezza standard delle tavole da bancale (1200 mm) dai quali abbiamo tratto la materia prima. Con i bancali recuperati possiamo ovviamente costruire moltissime cose, ad esempio questo tavolo fai da te per il giardino


A metà strada tra una chaise-longue e una sdraio da spiaggia, la nostra seggiola pieghevole unisce la semplicità costruttiva alla leggerezza e anche alla praticità

 

sedia con bancali

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]La sedia con pallet si “aziona” con una sola mano semplicemente trascinandola sul terreno: le gambe posteriori, più lunghe, appoggiano per prime provocando l’abbassamento della seduta. La sporgenza laterale dei listelli è particolarmente adatta ad accogliere e trattenere un materassino, qualora le nude tavole risultassero scomode. [/box]


Progetto sedia con pallet

progetto sedia con pallet

Preparare il legno recuperato dai bancali

recuperare legno pallet

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]1Il legname che serve è facilmente reperibile a costo nullo da qualche bancale di recupero, meglio se del tipo pesante, usando una sega e un piede di porco per togliere le parti inchiodate. Un trucchetto per schiodare le tavole senza romperle: basta molare con la smerigliatrice la testa dei chiodi per renderli facilmente sfilabili.

2Scegliamo le tavole migliori, scartando quelle con macchie e scheggiature, e raggruppiamole per larghezza. Una volta controllato che non ci siano resti di chiodi, pietre o punti metallici, le passiamo alla pialla fino a portarle a uno spessore uniforme. Il fabbisogno totale corrisponde a nove tavole lunghe 500 mm e quattro lunghe 1200 mm. [/box]

La struttura della sedia
La struttura della sedia con pallet è composta da due coppie di listelli a cui è collegata una serie di tavolette. La composizione delle parti sembra essere fatta a rovescio rispetto al buonsenso, poiché le tavole sono attaccate sotto i listelli anziché sopra. In realtà questa collocazione è giustificata da due buoni motivi: il primo è che i due listelli di sostegno devono potersi richiudere fino a diventare paralleli. La seconda ragione riguarda le due tavolette più vicine al perno che fanno da arresto e, appoggiandosi alle gambe, determinano la massima apertura della sedia con bancali di recupero.

Come costruire una sedia con pallet

recuperare pallet

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]1 Rimanendo fedeli all’uso di materiale recuperato dai bancali, costruiamo le gambe della sdraio utilizzando le tavole più lunghe, circa 1200 mm nei bancali standard. Ne incolliamo due insieme usando uno strato di colla vinilica distribuito uniformemente su tutta la tavola. [/box]

morsetti per legno

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]2Accoppiamo e stringiamo insieme le tavole con una serie di morsetti per ottenere un “pannello lamellare” supereconomico. Questa operazione va fatta con adeguato anticipo per dare tempo alla colla di fare presa. [/box]

taglio con sega circolare

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]3A colla asciutta tagliamo le tavole nel senso della lunghezza con una sega da banco in modo da ottenere due listelli uguali di circa 55×40 mm, in base alle tavole che si hanno a disposizione. La lunghezza è di 1200 mm per entrambe le gambe di ogni lato: a cambiare è solo la posizione del perno di rotazione e l’inclinazione dell’appoggio a terra. [/box]

piallare il legno

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]4 I listelli sono ancora ruvidi e hanno bisogno di una piallatura sul lato sezionato dalla sega. Inserendoli paralleli sotto la pialla, in una sola passata si levigano entrambi ottenendo uno spessore identico. A questo punto si ripete il procedimento per costruire le gambe necessarie per l’altro lato. [/box]

taglio a 45°

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]5 Con la troncatrice angolata si intestano i piedi tagliando le due gambe anteriori a 45° e quelle posteriori a 60°. Per questa angolazione, non presente sul banco girevole della macchina, usiamo un piccolo trucco: spessoriamo l’appoggio della tavola all’estremità della guida controllando l’esatta angolazione con un goniometro oppure con una comune squadretta da disegno. [/box]

punta trapano per legno

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]6Ora dobbiamo unire le gambe con un bullone per poterle articolare: pratichiamo un foro da 8 mm su ciascun listello a una distanza di 280 mm dall’appoggio per le gambe anteriori e a 650 mm per quelle posteriori. [/box]

perno di rotazione

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]7 Uniamo le gambe con un bullone a testa tonda e quadro sottotesta da 8×100 mm. Sul filetto montiamo un dado autobloccante, interponendo una rondella, stringendolo solo fino al contatto per permettere una rotazione libera dei due pezzi. [/box]

sedia in legno fai da te

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]8 Collochiamo le gambe nella corretta angolazione, cioè circa 105°, e sistemiamo la prima tavoletta dello schienale facendola scendere finché non appoggia alle gambe posteriori. Blocchiamo la tavola con un paio di morsetti e controlliamo con una squadra la corretta ortogonalità. Con un paio di viti da legno per lato fissiamo la tavola e ripetiamo l’operazione per la prima tavola della seduta facendola scorrere fino ad appoggiarla alle gambe verticali. Tutte le altre tavole si fissano a distanza di circa 30 mm dalla precedente usando colla vinilica e viti da legno.[/box]

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Giornalisti