Oggetti decoratiShabby Chic

Shabby chic

0
shabby chic
 

Shabby chic ovvero recuperiamo vecchi mobili rovinati per dargli nuova vita con eleganza!

Recuperare un oggetto palesemente obsoleto ed anche rovinato, che sia un mobile, un complemento d’arredo o un suppellettile, poco importa, può essere più facile del previsto.
E se è consumato meglio, possiamo contare proprio su questo fatto per esaltarne l’eleganza.

Shabby chic è uno stile nato in Gran Bretagna che evoca il tipo di decorazione caratteristico nelle grandi case di paese, dove l’arredamento è usurato dal tempo. è uno stile che riflette la grazia e la semplicità di altri tempi.
Piccoli tesori dei mercatini e vari oggetti dimenticati in soffitta vengono recuperati con un minimo di restauro ed una buona dose di fantasia decorativa.
Fiori, pizzi e velluti la fanno da padroni in questo scenario fiabesco dove ogni cosa, oltre ad essere esteticamente bella, deve essere comoda e funzionale.
Il risultato finale è di realizzare un effetto generale elegante.
 Il termine “Shabby chic” (il cui significato è letteralmente “trasandato chic”) è stato coniato dall’americana Rachel Ashwell  negli anni ‘80 sulla rivista “The world of interiors” .

Scrittoio in stile Shabby chic

Scrittoio prima dello Shabby Chic

Lo scrittoio vecchio e rovinato così come si presentava prima di applicare la tecnica dello Shabby chic

Sembra facile una volta fatto. E invece molto spesso, quando si considera un vecchio oggetto ritrovato in soffitta o in cantina, e ci viene in mente di recuperarlo, il dilemma più grosso è quale tecnica utilizzare e quale nuovo stile potrebbe assumere quell’oggetto per inserirsi nel nostro arredo. La risposta è tutt’altro che facile.

La chiave dello Shabby chic è l’effetto “usura”

Step by step shabby chic

  1. Dopo un passaggio di carta vetrata e l’applicazione di un foglio di multistrato da 6 mm per ripristinare la superficie di lavoro dello scrittoio, irrimediabilmente usurata, iniziamo a dare una mano di cementite.
  2. Prima di passare la seconda mano di fondo diamo una carteggiata sui punti del mobile più esposti all’usura. Questo è il primo passo verso la realizzazione della particolare finitura che vogliamo ottenere.
  3. Dopo il fondo, due mani di smalto color avorio, “caricato” un bel po’ con l’ocra, e poi, mascherando con nastro di carta, realizziamo i filetti azzurri sul piano di lavoro e sui cassetti. La giusta tonalità si ottiene mescolando pochissimo blu con smalto bianco.
  4. Alla fine procediamo carteggiando nuovamente nei punti del mobile più esposti, per ottenere l’effetto di usura caratteristico dello stile Shabby chic. La finitura finale si fa a cera.
La scrivania completata

La scrivania completata

 

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *