Bagno fai da teManutenzione e riparazione

Come montare lo sciacquone a zaino

0
sciacquone a zaino tubo
 

Lo sciacquone a zaino è semplice da installare e ci evita lavori di muratura

In bagno il dispositivo che  viene azionato con maggiore frequenza, dopo i rubinetti, è il lo scarico della vaschetta del WC.
Per questo motivo può essere necessario riparare  quest’ultima o, addirittura, sostituirla con uno sciacquone a zaino, che si acquista in kit e che si installa a parete, dietro al WC. Le istruzioni contenute in ogni cassetta a zaino indicano la distanza minima e massima dalla tazza. Spesso (ma non sempre) c’è una  placca di sostegno in plastica, provvista di fori asolati e di un indicatore di asse, che deve collimare con l’asse del WC; mediante viti e tasselli si fissa la dima alla parete. La cassetta si appende semplicemente alla dima.
Se questa non c’è si monta  la vaschetta a parete con i tasselli in dotazione.
Il tubo di discesa, di circa 40 mm di diametro, già provvisto di curva, deve essere tagliato a lunghezza da entrambe le estremità, con un seghetto a denti fini: calcoliamo la lunghezza in modo che la parte orizzontale entri per almeno 5 cm nella guarnizione in gomma di ingresso nel WC, e la flangia superiore collimi con la piletta di scarico.
Dalla valvola del flusso d’acqua fissata a parete (che facciamo installare a circa 10 cm dalla cassetta), portiamo acqua a questa con un tubetto flessibile, munito di attacco filettato ad un’estremità e di ghiera con guarnizione a quella opposta; si avvita prima l’attacco filettato e poi la ghiera.
Passiamo alla sistemazione dei componenti interni. Si tratta di installare la valvola di chiusura dello scarico e collegarla alla leva (o pulsante) di azionamento, poi montiamo il galleggiante che controlla l’alimentazione idrica. Facciamo delle prove per tarare, con l’apposito comando, la lunghezza del braccio del galleggiante. Infine mettiamo il coperchio a scatto.

Gli elementi che costituiscono lo sciacquone a zaino

sciacquone materiali

Lo sciacquone a zaino è il tipo più semplice da installare e di manutenzione molto più agevole. La cassetta, che si acquista con tutti i componenti può essere appesa circa 30 cm sopra il WC, oppure, se la tazza è predisposta, direttamente appoggiata su quest’ultima. Si acquista la cassetta con componenti interni già assemblati e occorre solo effettuare i collegamenti.

Il principio di funzionamento

Quando lo sciacquone è pieno d’acqua il galleggiante viene sollevato verso l’alto e l’erogazione viene interrotta. Il comando di scarico fa alzare un tappo di gomma che, alla fine dello svuotamento, si richiude e occlude il foro di uscita. Nel frattempo il galleggiante è sceso e ha riaperto l’alimentazione di acqua . Un terzo tubo funge da “troppo pieno” e scarica l’acqua che dovesse entrare in eccesso nello sciacquone a causa di un guasto del rubinetto di entrata. Il galleggiante può essere in rame, in plastica o in polistirolo.

 

Il montaggio

tubo wc

 

 

 

 

 

Serriamo la ghiera che collega il tubo di discesa alla piletta filettata della cassetta; tra la flangia del tubo e la piletta si inserisce una
guarnizione rigida.

 

 

 

 

 

 

galleggiante wc

 

 

 

 

 

Procediamo montando i componenti interni dello sciacquone, seguendo le istruzioni di montaggio.

 

 

 

 

 

filtro water

 

 

 

 

 

Inseriamo e fissiamo il galleggiante che, sollevandosi all’ingresso dell’acqua, chiude il tubo di alimentazione 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

copriwater

 

 

 

 

Quando tutti i componenti sono montati apriamo la valvola dell’acqua ed eseguiamo alcune prove. Infine chiudiamo lo sciacquone a zaino inserendo il coperchio a scatto. 

 

 

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *