Manutenzione e riparazione

Piastrella rotta Come sostituirla senza sbagliare GUIDA COMPLETA

0
Sostituire una piastrella rotta
 

Per sostituire una piastrella rotta occorre intervenire con un intervento mirato

Se le piastrelle di ceramica del pavimento o di una parete sono scheggiate o rovinate dobbiamo procedere alla loro sostituzione dopo essercene procurate di uguali. La prima operazione consiste nell’eliminare la vecchia piastrella fratturandola in più punti. Il vecchio materiale di fissaggio ancora aderente al sottofondo si elimina con spatola o scalpello per muratura a punta piatta. Applichiamo le nuove piastrelle utilizzando una colla a base sintetica che è molto pastosa e disponibile in tubetto o in barattolo. Lasciamo indurire l’adesivo per almeno 24 ore, quindi passiamo al riempimento delle fughe con materiale di sigillatura.


Per sostituire una piastrella rotta si parte dalla sua totale eliminazione

sostituzione piastrella

 

  1.  Eliminiamo la fuga attorno alla piastrella separandola dalle altre per evitare che i colpi possano trasmettersi anche alle piastrelle limitrofe danneggiandole. Con uno scalpello a punta acuta, frantumiamo la piastrella partendo dal centro.
  2. Asportiamo con cura i frammenti rimasti aiutandoci con una spatola o uno scalpello piatto per sollevare parti fortemente ancorate al sottofondo, che va poi spazzolato e lavato con una spugna inumidita.
  3. Quando il fondo è ben asciutto prepariamo la colla specifica per piastrellatura che si può applicare sotto la nuova piastrella, a punti, oppure sul fondo. Attenzione a non eccedere per non avere problemi di livellamento.
  4.  Collochiamo la nuova piastrella nello spazio vuoto cercando di posizionarla in modo che le fughe siano regolari e non presentino differenze di spessore o di allineamento. Eventualmente possiamo utilizzare i crocini distanziali.
  5. Per assestare la piastrella e far allargare e aderire la colla battiamo su di essa con il manico del mazzuolo, agendo su vari punti. Controlliamo sempre con la livella e una riga che il livello sia quello della pavimentazione.
  6.  A indurimento avvenuto, quando non rischiamo più di spostare la piastrella, versiamo un impasto abbastanza liquido per fughe, che regolarizziamo con un pennellino. Infine puliamo con una spugna umida.

La colla per piastrelle

impasta colla per piastrelle

Conviene utilizzare la classica colla per pavimentazioni che si acquista in sacchetti e si miscela con acqua nelle proporzioni indicate sulla confezione. Se l’impasto risulta difficile da mescolare manualmente, usiamo una punta miscelatrice che, azionata dal trapano, impasta la colla fino alla preparazione di un composto omogeneo. I costi dei collanti per piastrelle sono variabili in funzione della tenacia e della resa del preparato. Nel caso della sostituzione di poche piastrelle ne va preparato un piccolo quantitativo perché il prodotto indurisce rapidamente e l’eccesso andrebbe sprecato.


L’area di applicazione, dove intendiamo sostituire una piastrella , va ripulita a fondo rimuovendo bene la colla precedente in modo da fare spazio allo spessore del nuovo adesivo che va distribuito con la massima uniformità: allo scopo utilizziamo la spatola o la manara dentata.
Posizioniamo la nuova piastrella mantenendo il parallelismo con quelle adiacenti e premiamola per mantenere le superfici perfettamente allineate in altezza.
La finitura va fatta con il riempifughe, da distribuire  in abbondanza per poi tirarne via l’eccedenza con
la spugna prima che sia asciutto. Materiali e attrezzi sono reperibili nei centri bricolage.

Nuovo esempio di sostituzione piastrella rotta

sostituzione piastrella

  1. Prima con martello e scalpello rompiamo la piastrella e rimuoviamo lo strato di colla sottostante. Attenzione a non intaccare le piastrelle vicine, e poi con il raschietto elettrico, che ci fa risparmiare tempo e  garantisce un ottimo risultato, asportiamo ogni residuo della vecchia colla.
  2. La colla per fissare la nuova piastrella va distribuita nel modo più uniforme possibile con la manara dentata tirando l’adesivo, spalmandolo e lasciandone la giusta quantità sotto forma di una serie di cordoni paralleli. Possiamo ora poggiare la piastrella centrandola nello spazio libero.
  3. Una volta asciutta la colla, stendiamo il riempifughe con l’aiuto di una spatola morbida facendo in modo che sia uniformemente distribuito negli spazi vuoti intorno alla piastrella.
  4. Prima che il riempifughe sia completamente asciutto rimuoviamone l’eccedenza con una spugna. Quando è perfettamente asciutto e indurito del tutto possiamo pulire a fondo.

UTENSILI
Martello, scalpello, manara dentata, raschietto elettrico

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *