Manutenzione e riparazione

Manutenzione della lavapavimenti | Pulizia e sostituzione spazzole passo-passo

0
manutenzione lavapavimenti
 

I vantaggi per chi possiede una lavapavimenti saltano all’occhio: non bisogna più bagnarsi le mani e si risparmiano acqua, detersivo e soprattutto fatica. Ma ogni tanto bisogna fare un po’ di doverosa manutenzione

Tra i lavori domestici più faticosi (e necessari) c’è la pulizia dei pavimenti. In nessuna casa manca una lavatrice o un frigorifero, ma l’operazione di lavare i pavimenti con una macchina non ha ancora preso piede. Eppure la lavapavimenti a spazzole per uso casalingo dà risultati eccellenti in tempi rapidi e assicura un livello di igiene che il lavaggio a mano con lo straccio non potrà mai raggiungere. Ma come funziona una lavapavimenti e perchè è importante effettuare la sua manutenzione nel tempo? Questa macchina lava sempre con acqua pulita, contenuta in un serbatoio posto sul manico, e raccoglie quella sporca in una vaschetta separata, per cui, passaggio dopo passaggio, il risultato risulta evidente dalla qualità dell’acqua sporca che rientra con l’apposito tubicino di raccolta.

La lavapavimenti Floorwash funziona grazie a un motore a induzione da 300 W, nascosto dentro il rullo gommato centrale, che mette in rotazione in senso opposto due spazzole cilindriche e il rullo stesso tramite una cascata di ingranaggi. L’acqua pulita, con o senza detersivo, finisce direttamente sul pavimento, tra i rulli, grazie a un distributore a ugelli multipli. Le spazzole entrano in tutti gli anfratti e nelle fughe tra le piastrelle e, ruotando velocemente, spruzzano l’acqua sporca sul cilindro gommato che, a sua volta, la deposita nella vaschetta di raccolta tramite una lama di metallo.

Non è più necessario piegare la schiena e bagnarsi le mani di acqua saponata, né aspettare a lungo che il pavimento si asciughi: i rulli asportano quasi tutta l’acqua lasciando il pavimento appena umido. Solitamente queste macchine sono robuste e raramente hanno bisogno di riparazioni ma la manutenzione della lavapavimenti, a seconda dell’entità di utilizzo (e della rugosità) del pavimento, potrebbe richiedere la sostituzione delle spazzole causa usura, anche se nella maggior parte dei casi gli unici interventi richiesti sono l’occasionale pulizia profonda della macchina. Nella dotazione sono compresi: le spazzole medie già montate, un set di spazzole morbide per i tappeti e uno con le setole più dure per superfici ruvide.

Uno sguardo interno per una corretta manutenzione

Tempo richiesto: 1 ora.

  1. Aprire il coperchio superiore

    Per effettuare una manutenzione della lavapavimenti bisogna innanzitutto aprire il coperchio superiore, quest’ultimo si apre spingendo la levetta di chiusura verso l’interno. Su un lato è visibile il tubo che porta acqua pulita e detersivo, mentre anteriormente è presente una finestrella trasparente attraverso la quale si può osservare il raschiatore del cilindro in azione.

  2. Posizione della vaschetta di recupero per l’acqua sporca

    La vaschetta di recupero per l’acqua sporca si innesta su due pioli posti nella parte inferiore dello chassis e su due battute arcuate poste a lato del cilindro di gomma. La vaschetta richiede una frequente pulizia e un controllo dello stato del raschiatore di lamiera.

  3. Smontare il manico

    Togliendo un paio di viti e il tubicino di gomma si smonta il manico con il serbatoio per l’acqua in modo da poter maneggiare più agevolmente la lavapavimenti e fare manutenzione delle parti interne.

  4. Aprire il coperchio laterale per raggiungere la parte elettrica

    La parte elettrica si raggiunge smontando il coperchio laterale: ci sono numerose viti a croce da svitare sulla periferia del telaio, sulla parte destra.

  5. Composizione della parte elettrica

    Sotto il coperchio ci sono le parti sotto tensione, per cui è indispensabile accertarsi sempre di aver sfilato la spina dalla presa prima di aprire. Si notano sulla sinistra il condensatore per l’avviamento del motore a induzione da 300 W e sulla destra il microinterruttore per l’avviamento e la sicurezza antiribaltamento.

  6. Pulire e lubrificare le parti in movimento

    In quest’area si possono accumulare residui e umidità che rischiano di bloccare il movimento delle biellette a cui sono collegati il pedalino di avviamento e la rotella di sicurezza che spegne la macchina se viene sollevata. Dopo la pulizia si provvede a lubrificare i perni e le parti in movimento.

  7. Allentare la vite per sbloccare la spazzola

    La macchina ha in dotazione tre serie di spazzole di diversa durezza adatte per pulire rispettivamente tappeti (le più morbide), piastrelle lisce e pavimenti irregolari. Si sbloccano semplicemente allentando la vite che blocca in posizione il perno esagonale centrale.

  8. Sfilare il perno dalla sua sede

    Il perno viene sfilato dalla sua sede e le spazzole sono libere. Questa stessa operazione va fatta per trasformare la macchina da lavapavimenti a battitappeto: rimosso il carter di destra, trattenuto da alcune viti con taglio a croce, si accede al sistema di sostegno dei rulli e si estrae la barra esagonale inserita tra i mozzi dei cuscinetti e messa in rotazione da un ingranaggio. Sfilando la barra con l’aiuto di una vite, usata come un estrattore, si libera il rullo e si sostituisce la spazzola.

  9. Sostituire la spazzola

    Una volta privata del perno, la spazzola esce senza difficoltà dal suo alloggiamento e può essere sostituita con un’altra. Tutte le manovre necessarie per sostituire i rulli si eseguono smontando solo il carter destro della macchina. Sotto il sinistro sono collocati gli ingranaggi che collegano tutti i rulli all’uscita del motore, nascosto all’interno del grosso rullo di gomma.

  10. Pulire accuratamente prima di rimontare le spazzole

    Prima di rimontare le spazzole si puliscono accuratamente gli spazi attorno ai mozzi per eliminare i residui che si accumulano durante il lavaggio del pavimento.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *