Manutenzione e riparazione

Riparare una chiave spezzata

0
riparare una chiave spezzata
 

Bastano un pezzetto di piattina e un dado d’acciaio per unire la barra della chiave spezzata alla sua nuova impugnatura, ma bisogna saper tagliare, filettare, saldare e limare

Anche le chiavi più strutturate, quelle che si usano abitualmente nelle serrature a più punti, possono spezzarsi. Di solito accade quando le barre delle mandate esercitano attrito nelle loro sedi, quindi la chiave è sottoposta a forti sollecitazioni ogni volta che si apre e chiude completamente la serratura. In questi casi, il punto in cui si rompe più spesso è alla base dell’impugnatura, dove questa si unisce allo stelo. Ma riparare una chiave spezzata è possibile con un po’ di spirito fardasé.

Bastano appena tre quarti d’ora di lavoro per rimediare in modo ingegnoso all’inconveniente, ma in quel breve lasso di tempo si deve tagliare, filettare, saldare e limare dei pezzi in acciaio inox e questo richiede abilità e attrezzature non comuni. Provvidenziali i soliti pezzi di scarto da precedenti lavorazioni; in particolare un pezzo di piattina spessa circa 2 mm e un dado, entrambi in acciaio, meglio se inox.

Tagliare, filettare e bloccare

Tempo richiesto: 1 ora.

  1. Ricavare la piattina di acciaio inox

    Con la segatrice da ferro si taglia un pezzo di piattina di acciaio inox, spessa 2 mm. Le dimensioni devono essere di circa 25×25 mm. Il lato libero, come si vede, è già stato ben arrotondato con la lima da ferro.

  2. Saldare il dado M5 alla piastrina

    Dopo aver arrotondato anche il lato tagliato, si salda alla piastrina un dado M5 in acciaio inox. In questa fase si deve garantire la verticalità della piastrina sul dado, mentre si effettua la saldatura. Questo tipo di presa nella morsa è d’aiuto e, in più, permette di levigare perfettamente la saldatura.

  3. Filettare lo stelo

    Con la filiera si filetta M5 lo stelo della chiave spezzata, bloccato nella morsa. Il tratto da filettare non è lungo: basta poco più dello spessore del dado in cui va avvitato.

  4. Avvitare lo stelo al dado e forare la piastrina

    Si avvita lo stelo della chiave spezzata sul dado lasciando allineata la piastrina con le ali della chiave. Allo scopo si sfrutta la morsa del trapano a colonna che ha un incavo dove appoggiare correttamente i due elementi. Quindi si pratica il foro per la spina e quello per appendere la chiave.

  5. Fissare il tutto con una vecchia punta da trapano

    Con il martello si forza una vecchia punta da trapano nella sede, poi si toglie ciò che cresce con la smerigliatrice.

  6. Rifinire la giunzione

    Si rifinisce la giunzione con la lima e si leviga con carta abrasiva telata a grana medio-fine.

Progetto di Leonardo Telesca

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *