Manutenzione e riparazioneRiciclo creativo

Rinnovare il frigorifero

0
Rinnovare il frigorifero, rinnovare il frigo, come rinnovare il frigo, colorare il frigorifero, sottosopra, frigorifero smeg
 

Il frigorifero “bombato” è divenuto un oggetto “cult”, tanto che le aziende rimettono in produzione i loro modelli anni ‘60. Chi ne avesse accantonato uno, può rinnovare il frigorifero facilmente: basta dargli una sferzata di vivacità, rinnovandone il colore

Ecco un’altra situazione in cui si rende prezioso l’utilizzo di SottoSopra, il ciclo in due fasi (coloritura e finitura) costituito da innovativi prodotti bicomponente che garantiscono grandissima adesività su tutte le superfici, anche le più difficili come le ceramiche, massima coprenza, massima resistenza all’abrasione e ai comuni prodotti chimici di uso domestico, inclusi i detergenti più forti.  Nel caso in questione c’è la necessità di rinnovare il frigorifero che era stato accantonato per anni in cantina. L’oggetto, pur essendo ben conservato, presenta perdita di lucentezza della superficie smaltata; la vernice non è scrostata e quindi non ci sono evidenze di ruggine, ma la patina è opaca e in qualche punto pare sbiadito. Per rinnovare il frigorifero e inserirlo con fierezza nell’arredo di un appartamento è necessario intervenire rivitalizzandone il colore e la lucentezza.  In casi come questi il ciclo di trattamento SottoSopra è quanto di meglio si possa usare perché permette di scegliere da una vasta cartella colori che comprende tinte pastello, metallizzate e perlate, per stendere un colore bicomponente che attacca su tutte le superfici. Il ciclo si completa poi applicando la vernice di finitura trasparente, anch’essa bicomponente, a scelta lucida o satinata.

Rinnovare il frigorifero passo-passo

Rinnovare il frigorifero, rinnovare il frigo, come rinnovare il frigo, colorare il frigorifero, sottosopra, frigorifero smeg

Rinnovare il frigorifero, rinnovare il frigo, come rinnovare il frigo, colorare il frigorifero, sottosopra, frigorifero smeg

  1. La confezione di Colore per Interni è costituita da un barattolo grande che contiene i flaconi dei due componenti epossidici. Il pigmento da aggiungere per ottenere la tinta scelta è fornito a parte, in boccette a grammatura calibrata per poter replicare anche in trattamenti successivi l’identica tonalità. Seguendo le istruzioni sul libretto incluso, si versa il pigmento nel barattolo B e si mescola sino a completa uniformità di colore.
  2. Si versa nel barattolo di latta il componente A e poi il B, quello con il pigmento, e si prosegue a uniformare il tutto. Al termine si aggiunge la quantità d’acqua indicata e si mescola.
  3. Non serve rimuovere alcuno strato di vernice dall’oggetto; basta una passata di spugna abrasiva per eliminare lo sporco resistente e, nel contempo, irruvidire la superficie.
  4. La stesura con rullo di spugna è la più semplice ed efficace; il prodotto non cola e ha una capacità coprente notevole.
  5. Con un rullo più stretto si passa nei punti più difficili
  6. Anche i  bordi poco accessibili vanno trattati, contando anche su una buona mascheratura delle parti che non vanno colorate o sporcate.
  7. Superfici semplici come questa consentono di stendere il colore nel migliore dei modi e potrebbe non essere necessaria neppure una seconda mano, eventualmente da dare dopo 6 ore dalla prima. La vernice di finitura è sempre bicomponente e si prepara con modalità analoghe a quella di fondo, tranne tutto ciò che concerne il pigmento che qui, ovviamente, non va messo. Durante la preparazione il prodotto emulsiona e assume aspetto bianco lattescente, ma durante l’essiccazione diviene del tutto trasparente. La stesura avviene con rullo identico al precedente.
  8. Al termine si rimuove tutto il nastro da mascheratura a protezione delle guarnizioni e delle parti da non colorare.
  9. Procediamo lentamente quando asportiamo il nastro per mascheratura.
  10. Il marchio della casa produttrice del frigo è formato da lettere in rilievo di alluminio, volutamente colorate insieme alle restanti superfici per eliminare l’opacità e le intaccature da ossidazione presenti. Per colorare diversamente le lettere si applica nastro da mascheratura in modo da proteggere meglio possibile la superficie del frigo anche fra un carattere e l’altro.
  11. Usando un rullo da cui la vernice sia stata ben scaricata, in modo che non coli, si passa sulle lettere con mano leggera.
  12. Avendo passato il rullo solo sulla superficie esterna delle lettere e non sui fianchi, il marchio assume evidenza, ma con una tridimensionalità più misurata rispetto a prima.

    Acquista subito ciò che ti serve per rinnovare il tuo frigorifero

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *