Costruire tavoliRiciclo creativo

Tavolo di recupero con tubi delle stufe

0
Tavolo di recupero
 

Un tavolo di recupero costruito con tubi della stufa e un piano di vetro di recupero.

I tubi utilizzati per espellere i fumi di scarico delle stufe possono sembrare elementi insoliti per realizzare complementi d’arredo; eppure, grazie alla loro componibilità, ben si prestano a ottenere strutture alternative come, per esempio, il supporto per un tavolino di vetro temprato. La sua forma si ottiene mediante l’inserimento dei tubi in quattro gomiti fissati per mezzo di rivetti. Quattro ruote piroettanti consentono, inoltre, di spostare agevolmente il tavolino per collocarlo dove più ci aggrada. Il piano in doppio vetro (anche di recupero)
è poggiato sulla struttura e protetto nei punti di contatto grazie a quattro feltrini adesivi.

materiali tavolo di recuperoCosa serve per realizzare questo tavolo di recupero

✓ 4 tubi per stufa ø 150 mm
✓ 4 curve ø 150 mm
✓ Profilato di alluminio a “L” da 20×20 mm
✓ Lastra di doppio vetro 1000×1000 mm spessa 18 mm
✓ Ruote piroettanti ø 40 mm
✓ Viti per metallo, chiave a brugola
✓ 8 rivetti, 4 feltrini
✓ Smerigliatrice angolare, trapano, pinza rivettatrice
✓ Adesivo di montaggio trasparente

 

tavolino-ghisa

  1. Per tracciare la linea di taglio  aiutiamoci con una guida costituita da un listello di legno alla cui estremità è fissato un pennarello. Seguendo la traccia tagliamo il tubo utilizzando la smerigliatrice.
  2. Segniamo, sulle quattro curve, in posizione centrale, i punti da forare per potervi fissare le ruote piroettanti. In corrispondenza dei segni pratichiamo i fori per l’inserimento delle viti.
  3. Collochiamo in posizione le ruote piroettanti e fissiamole serrando le quattro viti a brugola nei rispettivi dadi. Non esercitiamo una forza eccessiva, per evitare di deformare la curva di alluminio.
  4. Lungo il tratto d’unione tra tubi e curve pratichiamo due fori che ci permettono di inserire i rivetti e bloccare la struttura. Serriamo i rivetti nei fori con la pinza rivettatrice che li deforma e li trancia.
  5. Proteggiamo i punti di contatto tra la struttura di alluminio e il vetro utilizzando piccoli feltri adesivi di forma rotonda. In commercio possiamo trovarli di differenti grandezze (almeno 2 cm di diametro).
  6. Tagliamo a misura i profili di alluminio con cui rivestire lo spessore del vetro e incolliamoli  al vetro utilizzando un adesivo di montaggio trasparente che garantisce presa immediata.

tavolino-faidate

 

Costruzione tavolo di recupero

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *