Fai da te Legno

Finitura delle perline in legno

0
Finitura delle perline, perline, perline di legno
 

Le perline sono ancora oggi uno dei tipi di rivestimento più diffuso ma, poiché una parete tutta di legno si addice a un ambiente rustico o a una baita di montagna, si tende a trattare queste liste di legno e il loro caratteristico incastro con i più svariati prodotti di finitura spaziando da quelli che coprono completamente il materiale a quelli che ne lasciano a vista la venatura, in quest’ultimo caso conservando o coprendo il colore del legno

Le perline sono assi di legno spesse da 8 a 12 mm, fresate sui lati lunghi a maschio e femmina così da incastrarsi le une nelle altre. Le diverse lunghezze disponibili, fino a 4 metri, permettono di rivestire intere pareti senza giunzioni nel montaggio in verticale, che è la posa più comune; tuttavia possono essere montate anche in orizzontale, in diagonale, a tolda di nave ecc. Con l’aumentare della lunghezza, aumenta però anche il rischio di svergolature che possono causare difficoltà di montaggio e di incastro: evitiamo di acquistare perline lunghe che si presentano sciolte, preferiamo quelle impacchettate a gruppi di 8-10 per limitare questo inconveniente. Anche se acquistiamo perline di prima scelta, esiste la possibilità che contengano nodi evidenti: se sono impacchettate il difetto non è riscontrabile e bisogna tenerne conto in base alla finitura che intendiamo applicare. I nodi, infatti, si presentano più scuri e spesso scabri, talvolta costituiscono un punto debole in quanto sono passanti e non ben solidali con il legno circostante. l Questo può costituire un problema se intendiamo mantenere l’aspetto naturale del legno: la tonalità chiara della finitura evidenzia il contrasto cromatico tra la superficie compatta e i nodi. Se, invece, intendiamo stendere una finitura delle perline coprente quale può essere uno smalto, possiamo stuccare e carteggiare le imperfezioni, riuscendo anche a compattare nodi poco stabili. La finitura delle perline si può effettuare prima o dopo la posa, a pennello o a spruzzo: se si tratta di rivestire un soffitto è preferibile rifinire le perline una a una prima della posa, solo sulla faccia a vista, per evitare di lavorare in posizione scomoda. Tra una mano e l’altra è sempre bene effettuare una leggera carteggiatura per ottenere come risultato finale una superficie liscia; in linea di massima sono da preferire le finiture satinate a quelle lucide, per evitare sgradevoli riflessi causati dall’illuminazione naturale o artificiale.

Finitura delle perline in legno

Finitura delle perline, perline, perline di legno

Finitura delle perline, perline, perline di legno

  1. La carteggiatura è l’operazione preliminare a ogni trattamento di finitura. Deve essere leggera, ma accurata per asportare ogni traccia di sporco. Anche tra una mano e l’altra di impregnante o di pittura non coprente è bene ripassare con una carta vetrata molto fine per lisciare il pelo rizzato dalla pittura.
  2. L’impregnante, lucido o satinato, stende su tutto il legno un velo protettivo lasciando perfettamente a vista la venatura; si possono scegliere tinte che, stando sulle tonalità del legno naturale, possono essere più chiare o più scure.
  3. Possiamo decidere di coprire il legno usando uno smalto del colore preferito, sempre nella versione lucida o satinata; in questo caso due mani di pittura danno alla superficie una finitura compatta e uniforme. Che si tratta di perline di legno lo mostra solo la sottile scanalatura di giunzione tra un elemento e l’altro.
  4. Esistono invece pitture che, pur essendo disponbili in tutte le tinte, non sono coprenti e lasciano intravedere le venature del legno. L’effetto finale è più tenue, ma anche più caldo e personale di quello dato da uno smalto coprente.
  5. Se il legno presenta tracce di sporco, macchie di resina o colla deve essere prima di tutto lavato e risciacquato; quando è perfettamente asciutto va levigato con carta vetrata grana 240 passata accompagnando la direzione della fibra.
  6. Il colorante si applica con un pennello moderatamente intinto senza tirarlo troppo; si può usare anche una spugna o uno straccio.
  7. La pittura tende ad alzare il pelo del legno; tra una mano e la successiva può essere necessaria una passata leggerissima di carta vetrata. Usiamo un tampone di legno per essere sicuri di agire con uniformità sulla superficie.
  8. Quando il colore è omogeneo (passare uno straccio elimina i segni del pennello se sono troppo evidenti) e perfettamente asciutto può essere protetto e valorizzato con una finitura o una cera incolore.

Finitura delle perline per il bagno e la cucina

Finitura delle perline, perline, perline di legno

  1. Una facile trasformazione permette di cambiare a fondo il look della cucina. Bastano poche perline, opportunamente trattate contro l’umidità e pitturate in una tinta forte e contrastante con il resto dell’arredamento, per dare vivacità a un angolo prima spento. Un bordo di plastica in tinta legno isola il rivestimento dagli schizzi più consistenti di acqua e fa da collegamento tra il lavello d’acciaio e la parete in perline blu. La barra portaoggetti e i numerosi ganci di acciaio aggiungono una nota di modernità.
  2. Se tutti i mobili e i pensili della cucina hanno le calde tonalità del legno, il rivestimento di perline può stare in tono adottando colori chiari tendenti al beige. Il rivestimento copre la fascia che separa piano di lavoro dai pensili e non si spinge in alto come si tendeva a fare con il rivestimento di piastrelle.
  3. Anche in bagno le perline, trattate con un buon protettivo antiumidità e rifinite con una pittura che non sia troppo coprente, ma tenda a lasciar intravedere il legno, fanno la loro bella figura. In questo caso il rivestimento ricopre anche le pareti della vasca da bagno; pesanti battiscopa e bordini di finitura sottolineano ancora il materiale. La stessa tinta è stata usata anche per lo specchio e per le mensoline: essendo una tinta molto chiara e luminosa, si ha una percezione dello spazio come fosse più ampio.

Finitura delle perline, perline, perline di legno

Anche quando pensiamo a soluzioni nuove per decorare la nostra casa molto spesso trascuriamo il soffitto per il quale una mano di bianco è quasi sempre più che sufficiente. Ma il soffitto è un elemento importante per creare un ambiente armonioso e gradevole, tant’è vero che quando vi applichiamo qualcosa cattura subito l’attenzione. Per una soluzione originale possiamo rivestirlo di perline pitturate di bianco, posate direttamente sul soffitto o, se troppo alto, su con una controsoffittatura in cartongesso. Alcune perline, disposte in modo casuale, possono essere colorate in altra tinta per movimentare il rivestimento che, altrimenti, potrebbe sembrare troppo uniforme.


Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *