Fai da te Legno

Intarsio del legno: come si fa

0
intarsio del legno
 

Per l’intarsio del legno occorre un’infinita pazienza, conoscenza dei legni, buona mano per il disegno e grande abilità sia nella meccanica sia nell’ebanisteria

C’è chi ha la passione per la musica, chi per la pesca, chi per la lettura, chi per il bricolage. Il nostro lettore Giuseppe Gramola ha una profonda e assorbente passione per l’ebanisteria ed in particolare per l’intarsio del legno.

Dalla forgia ai torni, dalla sega a nastro alla piallatrice, non c’è macchina che manchi nel suo laboratorio e che non sappia usare con la massima perizia per intarsiare il legno.
Non per questo disdegna l’uso di attrezzi manuali come sgorbie e scalpelli (una cinquantina) o pialle, autocostruite, da sagoma, con suola e ferro studiati per realizzare tori, gusce, civette ed ogni altra sezione.

Il legni che meglio si prestano ad essere intarsiati

Per l’intarsio serve il legno pieno, preferibilmente duro, dalla robinia al noce, dall’ebano al palissandro, che compra in panconi spessi quattro dita. Da questi riesce a ricavare con la grande sega a nastro anche tavolette spesse due o tre millimetri spianare e regolarizzare non con la pialla, con una speciale calibratrice: il materiale di partenza per le sue tarsie generalmente ispirate alle classiche boiserie del rococò francese.

Intarsio del legno: i primi passi

collegamento tavole di legno per intarsio

  1. Preparate con la sega a nastro e la calibratrice le tavolette spesse sui due millimetri occorrenti per il fondo e le tessere degli intarsi (qui rovere, noce nazionale ed africano, acero, robinia e palissandro), se ne regolarizzano i bordi con una pialla, guidata su un listello al quale la tavoletta è fissata con chiodini.
  2. Le tavolette si uniscono a coppie, lungo i bordi rifilati, incollandole su un nastro di carta; si piegano all’indietro e se ne spalmano i bordi con un sottile, ma completo filo di colla vinilica.
  3. Riaperta la tavoletta, si blocca ulteriormente la giunzione con altri nastri di carta e poi la si mette in pressa. Le operazioni si ripetono con lo stesso ordine fino a raggiungere la larghezza prevista per la tarsia.

Come intarsiare il legno

intarsiare il legno

  1. Il disegno va riprodotto in tante copie quanti sono i legni da usare più due.
  2. Una delle quali viene incollata sulla tavoletta di sfondo, di rovere, in questo caso. Sulle altre, legno per legno, si incollano i particolari del disegno da inserire nello sfondo.
  3. Essenza per essenza, le tessere vengono ricavate dalle tavolette con un preciso lavoro di traforo manuale.
  4. Una alla volta le tessere vengono fissate al loro posto con una goccia di colla così da poterne seguire a traforo il contorno, creando nello sfondo la sede precisa al millimetro.La lama viene leggermente inclinata creando uno smusso che facilita l’incastro.
  5. Un particolare alla volta i pezzi vengono inseriti nello sfondo dopo averne spalmato il bordo con l’adesivo. Si controlla l’incastro per eventuali minime rettifiche da fare solo con carta abrasiva di grana molto alta che asporti pochissimo legno alla volta.
  6. Nella tarsia classica non si usano colori, ma ci si basa solo su quelli naturali del legno; piccoli particolari come le nervature delle foglie e i petali dei fiori si realizzano con un paziente e preciso lavoro di bulino.

Gli ultimi ritocchi

pressa legno per intarsio

  1. Una coloritura o, meglio, brunitura di alcuni particolari, può essere necessaria per metterli meglio in rilievo.
  2. La si ottiene (ci vuole molta esperienza) immergendo più o meno a fondo e più o meno a lungo i pezzi in sabbia rovente.
  3. Pure l’inserimento dei particolari nella tavoletta di sfondo è un lavoro molto delicato, anche per l’intrinseca fragilità di pezzi tanto sottili e dai contorni sovente tagliati controvena, facili da spezzarsi. Inutile dire che ci vogliono una mano fermissima ed una pazienza da certosino.
  4. Sulle due facce della tarsia completa si incolla un foglio di carta che contribuisca a tenere in posizione i pezzi. Il pannello poi si mette sotto pressa fino a completo essiccamento della colla. La carta della faccia a vista poi si elimina con la levigatrice.

Utensili
Per gli intarsi in legno servono: cutter, matita, seghetto da traforo, archetto, pialla, pressa

Vedi anche

Commenti

Comments are closed.