Tecniche

Misurare e tracciare

0
misurare
 

Prima di qualsiasi taglio è importante disporre di una linea precisa da seguire, soprattutto quando il pezzo deve collimare con altri in una costruzione. Per la marcatura di linee, perpendicolarità e angoli sono richiesti strumenti semplici ma appropriati

Misurare e tracciare sono operazioni preliminari fondamentali del bricolage. Metro a stecche e flessometro sono utilissimi nella misurazione lineare, ma per la tracciatura è necessario disporre di una riga; la squadra fissa a 90° è indispensabile per la garanzia di una perfetta quadratura. Per angoli diversi da quello retto si utilizza la falsa squadra, uno strumento costituito da due segmenti uniti per un’estremità in modo che possano assumere e “copiare” qualsiasi angolo ed essere bloccati in quella posizione, per riportarlo identico sul piano di lavoro.

Non può mancare anche il truschino per tracciare linee a distanza fissa dal bordo del piano, ma non è finita: per una dotazione che possa definirsi completa occorrono un compasso per disegnare archi e cerchi, un curvilineo per le sagome curve più complesse ed un buon calibro per rilevare con esattezza gli spessori ed i diametri esterni con le punte grandi, quelli interni con le punte più piccole e la profondità di fori o sedi tramite l’astina che fuoriesce da un’estremità.

CON IL TRUSCHINO

misurare-1

Questo attrezzo è molto utile quando occorre misurare con esattezza uno spessore o una distanza da riportare su un altro pezzo. È piuttosto facile da autocostruire: occorre un blocchetto di legno con uno o due fori in ognuno dei quali inserire un’asta graduata che ad un’estremità riporta un ago o un foro per inserire una matita. Una vite che attraversa il blocchetto consente il bloccaggio dell’asta.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Tecniche