Einhell Fixetto: una chiodatrice davvero potente

Alimentata con batterie al litio 18 V della famiglia Einhell Power X-Change, Einhell Fixetto spara chiodi con una lunghezza da 15 a 50 mm, sezione 1,2 mm, a colpo singolo oppure a ripetizione in condizioni di contatto con la superficie

Quando parliamo di Einhell Fixetto siamo di fronte a un elettroutensile fatto per un solo scopo: piantare chiodi. Quindi non spara le graffe che spesso sono associate ai chiodi, nelle comuni aggraffatrici, ma questa è, a tutti gli effetti, una vera e propria chiodatrice, lavoro che svolge in modo eccellente. Mai un’esitazione, sempre una perfetta possibilità di regolazione del colpo a seconda dei tipi di legno da unire, mai un’inceppamento nelle sessioni di prove effettuate e, possiamo aggiungere come giudizio soggettivo, la sensazione di concretezza e solidità che solo le macchine professionali sanno trasmettere.

Non è soltanto una questione di peso, ma anche di materiali con cui sono fatti componenti tipicamente critici come il magazzino e la piastra di copertura. Molto utile, i caso di lavori con chiodature ripetitive e numerose, la possibilità di impostare lo sparo automatico all’avvenuto contatto del naso con la superficie. Selezionando questa modalità operativa, basta tenere il grilletto premuto per effettuare una chiodatura ogni qualvolta si appoggia il puntale sul legno. In questa modalità si riesce a sparare un colpo al secondo.

La versione Solo include la clip per l’aggancio in vita, alla cintura portautensili, due chiavi a brugola e una scatola da 500 pezzi di chiodi lunghi 50 mm. Einhell Fixetto costa euro 194,95.

Riempimento del magazzino di Einhell Fixetto

Il magazzino si apre premendo il pulsante all’estremità. L’operazione va sempre fatta a batteria rimossa.
I blister di chiodi vanno appoggiati all’interno del magazzino portandoli verso l’alto, in appoggio sul lato della punta. Lo sportello del magazzino si richiude e si deve sentire distintamente lo scatto.
A cassetto chiuso due finestrelle mostrano la presenza dei chiodi. Sono utili per accorgersi quando stanno per finire. La clip a scatto posta sopra il magazzino serve per ribaltare la piastra di copertura superiore in caso di inceppamento.

Da verificare sempre

Prima di ogni utilizzo è sempre bene testare le sicurezze (a batteria inserita) appoggiando il naso su un pezzo di scarto senza premere il grilletto: il colpo non deve partire.
Poi, tenendolo sospeso in aria, si tira il grilletto: il colpo non deve partire.

Regolazione della potenza su pezzi di scarto

Prima di intraprendere una nuova sessione di chiodatura, si deve verificare l’entità di affondamento del chiodo, che dipende dalla durezza del legno e dalla lunghezza del chiodo stesso. Per questo bisogna preparare alcuni pezzi di scarto come quelli in lavorazione e testare su questi l’infissione sparando alcuni colpi.
Se necessario si regola la potenza di infissione ruotando l’apposta rotella. Sul corpo macchina è stampata l’indicazione di incremento e decremento.
Il chiodo non deve mai sporgere dalla superficie. Un chiodo messo correttamente può essere messo a filo della superficie oppure, se c’è l’intenzione di stuccare le imperfezioni, lo si può mandare al di sotto di 1 mm circa.

Articoli simili

- Annunci -

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Tutorial Fai da te

Le guide di Almanacco

Progetti dei lettori

176,042FansLike
8,263FollowersFollow
97,382FollowersFollow
40,000SubscribersSubscribe