Copertura piscine, per utilizzare la piscina tutto l’anno

 

Ogni medaglia ha il suo rovescio: chi ha la fortuna di possedere una piscina propria sa anche quanto tempo (e denaro) va dedicato alla sua cura per mantenerla in buone condizioni igieniche. Un tal bene merita di essere sfruttato il più possibile, cercando il modo per prolungare la stagione… balneare.

Una copertura telescopica è formata da più moduli di forma arcuata che, scorrendo su binari posizionati a bordo vasca, possono essere aperti e raggruppati da un lato nelle giornate calde, per il piacere di un bagno a cielo aperto.

Mantenendo la copertura chiusa quando non si utilizza la piscina si dispone di acqua priva di corpi estranei (quindi si riduce la manutenzione) e riscaldata con l’aiuto dei raggi solari, limitando l’intervento degli impianti; la temperatura si mantiene costante anche durante le ore notturne e la zona piscina è protetta da cadute accidentali.

Queste strutture hanno diverse altezze, aspetto elegante e completamente vetrato, filtrano i raggi UV e sono provvisti di chiusura a chiave; se si ricopre uno spazio maggiore rispetto all’effettivo ingombro della vasca, si può disporre anche di una zona relax “abitabile”.
Solitamente basta una sola persona per movimentare i moduli che ricoprono una piscina di dimensioni normali, trattandosi di una struttura in alluminio e policarbonato.

Copertura piscine

Le coperture scorrevoli si suddividono in tre categorie: quelle basse hanno lo scopo di non interferire con il paesaggio; quelle medie e alte permettono di utilizzare la piscina anche coperta, ci si muove liberamente e si possono inserire arredi.

Telaio e rotaie di scorrimento dei moduli telescopici sono in alluminio, impermeabili e resistenti all’usura; il resto della struttura è in policarbonato di alta qualità, trasparente o satinato. Sono disponibili anche sistemi senza rotaie.
La superficie vetrata della copertura telescopica cattura i raggi solari e l’effetto serra che ne deriva mantiene caldo l’ambiente e l’acqua della piscina anche nelle ore notturne; anche le perdite per evaporazione sono ridotte al minimo.

 

Articoli simili

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Tutorial Fai da te

Le guide di Almanacco

No, ma dove si trova? 😃

Hai già guardato l'ultimo numero di FAI DA TE?

È GRATIS! 😱 Vai su: FAIDATE FACILE