FinestreMuraturaSoluzioni

Bocca di lupo per i locali con poca luce | Come si installa

0
bocca di lupo
 

La bocca di lupo è una sorta di cassone a gomito con due aperture perpendicolari che permettono di fornire luce e aria ai locali interrati; in molti casi è abbinata a finestre apribili protette da griglie

I muri dei locali interrati o seminterrati adiacenti al terreno manifestano quasi sempre ammaloramenti causati dall’umidità; in alcuni casi questi fenomeni possono estendersi per capillarità anche al piano superiore. Non sempre è possibile realizzare un’intercapedine (in particolare se la costruzione è prospiciente un tratto di viabilità pubblica) o uno strato che permetta un drenaggio ottimale delle acque piovane; l’umidità attraversa i muri e sfoga sul lato interno, provocando distacchi di intonaco e macchie biancastre. Le soluzioni hanno curiosamente nomi poco allegri: non potendo realizzare uno “scannafosso”, ovvero uno scavo di separazione e drenaggio, si può ricorrere ad una bocca di lupo.

La bocca di lupo viene installata in corrispondenza di finestrelle aperte nei locali da risanare; grazie a una griglia a maglie fitte, può avere funzione arieggiatrice, oppure essere completata da una vera finestra apribile di dimensioni ridotte.


  • Se serve solo dar luce al locale, la parte superiore calpestabile può essere ricoperta con piastrelle di vetrocemento, mentre per arieggiare il locale occorre una griglia zincata, come quella che chiude la finestrella, ma di tipo calpestabile o carrabile. Per una maggiore rapidità di montaggio, finestre e bocche di lupo sono fornite in abbinamento. Occorre prevedere uno scarico per smaltire l’acqua piovana che si riversa nel contenitore.
  • La soluzione più versatile e leggera vede l’utilizzo di una bocca di lupo di materiale plastico rinforzato con fibra di vetro, resistente alle spinte del terreno e inalterabile, di colore bianco per meglio diffondere la luce all’interno del locale; esistono anche bocche di lupo di calcestruzzo con fondo aperto o chiuso, ma quelle di plastica, oltre a essere facilmente lavabili, sono più rapide da montare e non necessitano di ulteriori finiture.
  • Nel caso di edifici di nuova costruzione l’utilizzo della boccha di lupo si rivela un’ottima scelta se associato a un’adeguata impermeabilizzazione e coibentazione dei muri e alla successiva realizzazione di un’intercapedine. Quando questo non è possibile, il loro utilizzo rappresenta comunque un miglioramento, anche se non risolutivo, e assicura quella circolazione d’aria che facilita lo smaltimento dell’umidità che continua però a formarsi.

Esempio di installazione di una bocca di lupo

bocca di lupo interrata
locale buio con bocca di lupo
Sotto la scala esterna è stato ricavato il locale lavanderia che però è senza finestre, soggetto alla formazione di muffa e condensa. Ma con l’installazione di una bocca di lupo, in combinazione con la finestra, nel muro della scala contro cui appoggia la terra del giardino, si è potuto dare all’ambiente luce e aria, che hanno contribuito a risolvere il problema. Stabilità, leggerezza e facilità di posa fanno di questa combinata finestra-bocca di lupo una soluzione vincente in molte situazioni.

Come installare le bocche di lupo

come installare le bocche di lupo

La gamma Pircher è composta da finestre complete di telaio di poliestere rinforzato con fibra di vetro, con apertura a vasistas (vetro di sicurezza da 5 mm o isolante da 24 mm) o ad anta vasistas (vetro isolante da 28 mm). Alle bocche di lupo nei modelli rinforzati, Titano e Maxi, si è aggiunto il modello Meamax®, regolabile in altezza. Durante il montaggio, infatti, la bocca può essere alzata di 25 cm e, con appositi rialzi, è possibile aumentarne l’altezza di ulteriori 35 cm. La griglia zincata pedonale è disponibile con diverse maglie; con struttura da 3×1 cm antitacco, con maglia stirata romboidale o con maglia quadrata 3×3 cm.Nei montaggi in serie il lavoro viene semplificato notevolmente; il telaio della finestra, già pronto per essere installato sulla cassaforma e corredato di controtelai di rinforzo, si posa in opera in 15 minuti; una bocca di lupo può essere montata da due persone in 30 minuti.

  1. Per il montaggio basta appoggiare al muro la parte inferiore della bocca di lupo, marcarne la posizione e forare per inserire tasselli con terminale a vite con testa esagonale.
  2. Senza avvitare a fondo, la cassa viene appesa ai tasselli, quindi si serrano le viti.
  3. La parte inferiore è perfettamente installata.
  4. Si inserisce la griglia sulla parte superiore della bocca di lupo e si monta il tutto su quella inferiore a un’altezza intermedia.
  5. Si procede in modo analogo per la parte superiore, segnando il punto dove forare e inserire i tasselli.
  6. Si inseriscono le manopole di regolazione e si avvita parzialmente; si trova la giusta altezza mediante la scala graduata (facendo scorrere la parte superiorequanto serve) e si provvede al serraggio definitivo.

Riempimento e carichi

griglia per bocca di lupo

Per il riempimento della zona circostante si utilizza magrone o terra, evitando sassi, ciottoli e detriti di grossa pezzatura; una guaina che avvolga muro e bocca di lupo dà ulteriori garanzie di isolamento. Contro la griglia di chiusura si può andare con qualsiasi tipo di pavimentazione. Se la bocca di lupo è installata in luoghi di grande traffico o a ridosso di scarpate che possono esercitare pressioni, conviene eseguire un riempimento protettivo in calcestruzzo di spessore sufficiente a sopportare le spinte dei carichi verticali e laterali; bisogna comunque evitare che ruspe o camion circolino nelle immediate vicinanze della bocca di lupo.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Finestre