Scale

Come installare una scala salvaspazio Flipstep Estfeller

0
scala salvaspazio
 

Una soluzione pratica per non rinunciare allo spazio solitamente occupato dalla scala

Si chiama Flipstep® ed è la grande novità Estfeller per il settore delle scale salvaspazio per soppalchi e soffitti. Bella, personalizzabile, semplice da montare, immediata nell’utilizzo per aprirla e richiuderla, è disponibile anche per ambienti esterni.

Disponibile in più versioni

Fliptep® è una scala salvaspazio a chiusura laterale utilissima quando si deve realizzare un accesso a un piano rialzato con soletta oppure a una zona soppalcata di un ambiente, continuando a sfruttare tutto lo spazio a disposizione e, nel contempo, inserire un elemento di connotazione estetica elevata. È disponibile in tre versioni:

  • betulla, non rifinita, per essere personalizzata sul posto;
  • laminata in colore bianco o in tutte le colorazioni RAL;
  • per esterni, prodotta con adesivi e sigillature resistenti agli agenti atmosferici.

La scala è prodotta con un legno multistrato laminato HPL i cui pezzi sono tagliati con estrema precisione da macchine a controllo numerico. Nello spessore dei gradini sono incluse molle che rendono estremamente agevole l’apertura laterale della scala usando una sola mano. La scala chiusa si compatta in 4 cm al muro e resta perfettamente piana. Prezzo a partire da euro 1.650 iva esclusa.

Scala salvaspazio semplice anche nel montaggio

La scala Flipstep® è prodotta su misura per altezze (da pavimento a pavimento) sino a 3,2 metri e ha una larghezza standard di 71 cm. A seconda dello spazio disponibile, può essere realizzata con gradini profondi 140 mm (quella del servizio) oppure 165 mm.

Come montare Flipstep®

Tempo richiesto: 4 ore.

Vediamo tutti gli step di montaggio di questa scala salvaspazio partendo dalle fasi preliminari, come il controllo delle misure e della perpendicolarità (punti 1-4), per poi arrivare al montaggio dell’ancoraggio soletta (punti 5-8), la preparazione e presentazione a parete (punti 9-12), fino al fissaggio definitivo (punti 13-16).

  1. Misurare la quota di approdo

    Si misura la quota di approdo della soletta o del soppalco; in pratica si tratta di rilevare l’altezza del piano da raggiungere.

  2. Controllare che l’angolo sia 90°

    Si controlla che il fronte d’appoggio sia perfettamente perpendicolare rispetto alla parete a fianco, cui va fissata la scala. L’angolo deve essere di 90°.

  3. Verificare l’orizzontalità

    Sicuramente la soletta o il soppalco hanno il piano di calpestìo in piano, ma una verifica non guasta, per non avere sorprese al momento dell’installazione.

  4. Controllare la parete di fissaggio

    Si controlla che la parete di fissaggio sia effettivamente a piombo e piana, cioè non presenti avvallamenti o bombature.

  5. Incastrare i tasselli

    A un’estremità l’ancoraggio presenta tre fori per l’inserimento dei tasselli in legno forniti nella dotazione della scala. I fori sono calibrati in profondità, quindi i tasselli si mandano a fondo con un martello.

  6. Versare la colla vinilica

    Si spalmano di colla vinilica le parti esterne dei tasselli di legno.

  7. Fissare alla scala

    Si inseriscono i tasselli di legno nelle loro sedi sul fianco della scala Flipstep® e si mandano a fondo battendo con il martello su un legno di scarto per non rovinare l’estremità dell’ancoraggio.

  8. Inserire le viti

    Per completare il fissaggio dell’ancoraggio, si applicano due viti, in dotazione, inserendole dalla parte esterna della scala.

  9. Forare i punti indicati sull’ancoraggio e sulla scala

    Sull’ancoraggio e sulla scala ci sono gìà prefori che indicano la posizione corretta delle viti; questi vanno completati rendendoli passanti.

  10. Svasare l’imboccatura dei fori

    Completati i fori, si svasa l’imboccatura per poter mandare la testa delle viti a filo piano.

  11. Posizionare la scala a parete

    Si presenta la scala a parete, mettendola nella posizione corretta.

  12. Segnare il battiscopa e i punti dove forare il muro

    Si marcano i tagli da fare al battiscopa per permettere alla scala di aderire alla parete, poi si segnano sul muro i punti dove forare per i tasselli.

  13. Inserire i tasselli nel muro

    Fatti i fori nel muro, si inseriscono i tasselli in dotazione e si mandano a fondo con il martello. A seconda della struttura della parete può essere necessario cambiare tipo di fissaggio.

  14. Avvitare tutte le viti

    Si mette in posizione la scala e si avvitano tutte quante le viti sul lato della parete; si verifica che le teste delle viti risultino a filo piano.

  15. Accorgimenti da tenere se il muro è irregolare

    Se il muro è irregolare, la perpendicolaritá e la linearitá della scala sono da regolare con gli spessori in dotazione, inserendoli in corrispondenza delle viti, prima di stringerle definitivamente.

  16. Fissaggio

    Si completa il fissaggio della scala inserendo le viti sull’ancoraggio alla soletta.

La scala salvaspazio anche in versione in multistrato di betulla

La scala Flipstep® nella versione in multistrato di betulla ha le superfici perfettamente lisce e levigate, ma grezze. Questo permette di rifinire la scala al momento dell’installazione, per poterla personalizzare e adeguare al colore o allo stile dell’ambiente in cui si inserisce. La finitura a olio, per esempio, permette di mantenere al naturale la tinta del legno oppure di scurirlo in nuance con la tinta ciliegio, piuttosto che rovere o noce, e poter godere della fibratura superficiale dell’essenza. La Flipstep® in multistrato di betulla, non avendo le superfici finite con la laminatura, risulta anche la scala più economica della famiglia. Prezzo a partire da euro 1.400 iva esclusa.

La qualità dei particolari

  1. L’ancoraggio alla soletta ha all’estremità un perno che stabilizza completamente la scala quando viene aperta.
  2. La maniglia di apertura della scala Flipstep® è in acciaio inox spazzolato; ha una forma a basso profilo che impedisce di ferirsi o agganciarsi con gli indumenti quando ci si muove nella stanza e si passa in posizione radente la scala stessa.
  3. La ringhiera della scala è interamente di acciaio inox: è costituita da solidi tubi di spessore generoso, di diametro ampio quello del corrimano, più ridotto quello dei montanti che si collegano alla scala con piastrine.
  4. Sui gradini è presente una striscia di materiale antiscivolo, situata verso il bordo di attacco di ogni pedata.
  5. Le teste delle viti si rifiniscono con i tappini in tinta, forniti nella dotazione di accessori.
  6. In dotazione c’è anche un feltrino adesivo da applicare sotto il piede mobile della scala, per eliminare il rumore del contatto e l’eventualità che si possa rovinare il pavimento.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Scale