Detrazione 50

Detrazione 50% per le ristrutturazioni

Cos’è la detrazione 50%?
Fino alla fine del 2014 per gli interventi di ristrutturazione edilizia si può usufruire della detrazione fiscale (dall’Irpef) del 50% delle spese sostenute fino ad un tetto massimo di 96.000 euro (IVA inclusa). La riduzione attualmente prevista per il 2015, dal 50% al 40%, è stata rimessa in discussione dal decreto Sblocca-Italia approvato il 29 agosto che contiene la proposta di proroga del bonus attuale, ma che potrà essere ufficializzato solo con la Legge di Stabilità nei prossimi mesi.

Quando si applica la detrazione 50%?
La detrazione 50 è applicabile sulle spese di manutenzione straordinaria, restauro, risanamento conservativo effettuate su unità residenziali di qualsiasi categoria nonché sulle parti comuni di edifici residenziali, più altri interventi volti, per esempio, all’eliminazione di barriere architettoniche e all’adozione di misure antisismiche.

Aliquota IVA
Su materiali forniti dalla ditta che esegue i lavori (non acquistati direttamente dal committente), manodopera, prestazioni di servizi si applica l’IVA agevolata al 10%. Se si tratta di “beni significativi”, ovvero di beni il cui valore è prevalente rispetto a quello della prestazione (ascensori, caldaie, infissi ecc), l’iVA agevolata si applica solo su una parte di cifra, quella equivalente alle spese delle prestazioni. L’altra parte di cifra è soggetta all’aliquota del 22%.

Esempio: costo totale dell’intervento 30.000 euro, di cui 12.000 di prestazioni e 18.000 di beni. Per questi 18.000 si può applicare l’IVA al 10% solo su 12.000 (cifra di pareggio con le prestazioni), i restanti 6.000 euro sono soggetti all’IVA al 22%.

Come si applica
Il bonus si applica sulle spese per materiali, manodopera, prestazioni, oneri vari corredati di regolare fattura da pagarsi tramite bonifico; l’importo da portare in detrazione va suddiviso in 10 quote annuali di pari importo.
Se, ad esempio, si è sostenuta una spesa complessiva di 60.000 euro, si porteranno in detrazione dall’Irpef dovuta allo Stato 3.000 euro l’anno, per 10 anni, compilando l’apposita sezione del modello Unico o del 730.

A chi spetta
L’agevolazione non riguarda solo i proprietari, ma è estesa agli inquilini, ai comodatari, a chi è titolare di un diritto di godimento (come gli usufruttuari), ai soci di cooperative e società semplici e alle imprese individuali (non per gli immobili strumentali o di merce). Inoltre spetta anche a familiari conviventi, a patto che sostengano le spese tramite bonifici a sé intestati, e a chi effettua gli interventi in proprio, nel qual caso la detrazione è applicabile solo sul costo dei materiali, soggetti all’IVA ordinaria.

Detrazione 50

Articoli simili

- Annunci -

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Tutorial Fai da te

Le guide di Almanacco

Progetti dei lettori

176,129FansLike
8,261FollowersFollow
97,382FollowersFollow
40,000SubscribersSubscribe