Fai da te costruzioni
come installare un camino
come installare un camino
Home / Ristrutturare casa / Lavori in casa / Muratura / Come installare un camino prefabbricato

Come installare un camino prefabbricato

 

Con la posa di un camino prefabbricato ad alto rendimento e pochi semplici lavori di muratura possiamo rendere più calda ed accogliente la nostra casa

Capire come installare un camino prefabbricato non è poi cosi diverso da come costruire un camino in muratura, la differenza principale consiste nell’utilizzo di un’unità prefabbricata, il focolare, che semplifica molto il lavoro.

Grazie infatti ai camini prefabbricati dell’ultima generazione, che si installano con semplici lavori di muratura e sono calcolati in fabbrica per un rendimento elevato, senza rischi di ritorno di fumi; l’unica precauzione, prima di fare il grande passo, è accertarsi con l’aiuto di un tecnico che il nostro solaio possa sostenere il peso del manufatto di alcuni quintali.

Ecco quindi come costruire un camino prefabbricato!

Cosa serve per installare un caminetto

Per costruire un camino servono:

  • Secchio,
  • cazzuola,
  • spatola,
  • filo a piombo,
  • livella a bolla,
  • metro,
  • mazzetta,
  • punta e scalpello per demolizioni,
  • frattazzo,
  • morsetti,
  • tavole per armatura,
  • silicone
  • camino prefabbricato completo di relative strutture di finitura e guarnitura
  • Tubi flessibili in metallo;
  • cemento, calce, sabbia (o miscela già pronta);
  • stucco da muro;
  • mattoni pieni ed a doppi fori;
  • travetto prefabbricato.

Come installare un camino

La costruzione dai muretti di rivestimento è la fase più elaborata del nostro lavoro. Disponiamo i mattoni a coltello inserendo nella parte di testa un mattone in verticale alternato ad uno in orizzontale, per sfalsare i giunti almeno ogni due corsi.
Prestiamo particolare cura alla fase di demolizione del muro, indossando occhiali e guanti protettivi.
Si esegue con punta e mazzetta, metodo antico e tuttora valido, che consente di rompere con precisione.
La zona da demolire è limitata e si deve fare un lavoro preciso senza produrre troppa polvere nella stanza. Le due paretine si innalzano fino al soffitto: la sede, ancora da intonacare, per il prefabbricato
è pronta.
Intonachiamo le due paretine di nuova costruzione gettando la malta con la cazzuola e stendendolo
con il frattazzo. Recuperiamo la malta che cade a terra e reimpastiamola nel secchio.
Si usa silicone specifico per alte temperature, che resiste ad oltre 200°C, rimane elastico nel tempo e aderisce alla maggior parte dei materiali non friabili. Ottimo per raccordare e fissare i tubi di tiraggio e circolazione dell’aria alle bocchette di uscita.
I risultati che potremo apprezzare in termini di rendimento saranno davvero sorprendenti se sceglieremo uno dei tanti modelli a circolazione convettiva dell’aria calda. Le canne che portano l’aria calda alle bocchette vanno posizionate con precisione.
Le bocchette poste sul fronte dal camino permettono la fuoriuscita dell’aria che entra dal basso, si scalda senza entrare in contatto con l’aria di combustione, sale progressivamente e si reimmette nella stanza attraverso i tubi.

Caminetto prefabbricato

Come prima cosa dobbiamo procurarci il camino prefabbricato in ghisa o acciaio: esistono in una vasta gamma e differiscono per il potere termico.

Facciamoci consigliare dal rivenditore in base al volume dei nostri locali; ogni modello, a sua volta, può essere rivestito con varie soluzioni architettoniche e qui comanda solo il gusto personale. Se decidiamo di ispirarci alla soluzione qui illustrata, ci occorrono mattoni forati e tutto il materiale edile necessario per creare i muretti laterali e frontali: la sabbia ed il cemento si acquistano preferibilmente in miscele già pronte all’uso.

Si inizia preparando il vano adatto per il camino cominciando con la costruzione dei muretti in mattoni laterali, disponendo i mattoni a coltello fino a raggiungere l’altezza del soffitto.

Canna fumaria camino

Per alloggiare la struttura in metallo e predisporre la canna fumaria per il camino ventilato occorre demolire con attenzione una parte del muro perimetrale retrostante; diamo per scontato che esista la parte esterna della canna fumaria, con relativo comignolo a tenuta di vento; noi dobbiamo solo eseguire la parte iniziale, o con il metodo classico, in muratura, oppure utilizzando un tubo in acciaio inox flessibile ed allungabile.

Posiamo il caminetto predisponendo per bene le varie tubature di tiraggio camino e circolazione dell’aria e tamponiamo la parte anteriore con mattoni refrattari per la parte bassa e semplici mattoni forati per la restante zona.Per realizzare l’architrave posto sopra la bocca del camino utilizziamo un travetto prefabbricato di ferro; intonachiamo e rasiamo i muri con il frattazzo e tingiamo le pareti con il colore prescelto.Ora possiamo applicare gli appositi elementi di finitura che fissiamo alla muratura con cemento, se si tratta di mattoni faccia vista, o stucco, se si tratta di gesso.

Lo “scasso” nel muro

Per una buona posa in opera del caminetto è bene effettuare una piccola demolizione nel muro retrostante in modo da avere il tiraggio completamente verticale e non creare troppo ingombro nella stanza.

Prima di tutto innalziamo i muretti laterali, che limiteranno la diffusione di detriti nell’ambiente; per ottenere spigoli diritti occorre innalzare una tavola verticale tra pavimento e soffitto e tracciare il filo delle paretine sul muro esistente, con del nastro adesivo.

Lo scasso si effettua con mazzetta, punta e scalpello, dopo avere indossato un paio di occhiali protettivi; esistono in commercio punte con protezioni in gomma, per preservare le mani da colpi fuori mira; in ogni caso un paio di robusti guanti da lavoro è sempre raccomandabile.

Silicone per sigillare

Non releghiamo il silicone ad un utilizzo  di incollante per vetri o sigillante per sanitari: grazie alle sue caratteristiche rappresenta un validissimo alleato per qualsiasi lavoro d’incollaggio a perfetta tenuta stagna; nel nostro caso il tipo rosso per alte temperature si rivela ottimo per raccordare e fissare i tubi di tiraggio e circolazione dell’aria alle bocchette di uscita.

La gamma di siliconi in commercio varia in formato e colori adattandosi a tutte le esigenze: per il nostro lavoro scegliamo il formato in cartuccia, da applicare con l’apposita pistola, quindi puliamo per bene la superficie da sigillare e stendiamo un abbondante strato.

Una volta terminata l’operazione preserviamo per un altro utilizzo il collante rimasto chiudendo per bene il tubo; eventuali eccessi si rimuovono, prima dell’essiccazione, con acido acetico o comune aceto.

Come installare un camino prefabbricato ultima modifica: 2017-11-08T16:35:27+00:00 da Redazione Bricoportale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *