Auto, moto e bici

Caricabatterie auto fai da te nella valigetta

0
Caricabatterie auto fai da te
 

Partendo da un vecchio trasformatore di recupero, si costruisce all’interno di una valigetta portattrezzi di plastica un caricabatterie auto fai da te con tensione regolabile, capace di caricare batterie da 6 a 24 volt

Gli alimentatori per batterie auto, moto ecc sono dispositivi tutto sommato semplici e si prestano all’autocostruzione. Il caricabatterie auto fai da te nella valigetta è estremamente efficace: è leggero, ha una maniglia sul coperchio che ne facilita il trasporto, è facile da forare anche per aprire una finestrella quadrata per l’applicazione del display, ha due comparti chiudibili nel coperchio dove alloggiare separatamente i cavi della batteria e dell’alimentazione, quando il caricatore non è utilizzato. Con un po’ di conoscenza, si possono realizzare dispositivi funzionali e prestazionali, al pari dei più moderni prodotti di produzione e con una spesa assolutamente contenuta.

Una volta che si hanno a disposizione tutti i pezzi, inclusi quelli acquistati on line, si procede con la costruzione che, in vero, è un mero montaggio. A parte il dimensionamento della tavoletta di multistrato, infatti, si tratta soltanto di eseguire alcuni fori, nella tavoletta e nella valigia di plastica, per effettuare i fissaggi e alloggiare display, portafusibili, interruttore di accensione e far passare i conduttori. Con gli elementi ben fissati all’interno del contenitore, si procede con i collegamenti elettrici e il caricabatterie è pronto a funzionare.

Cosa occorre

Per realizzare questo caricabatterie auto fai da te in valigetta servono sostanzialmente una buona dose di materiali di recupero e qualche altro piccolo strumento acquistabile tranquillamente su Amazon.

Materiali di recupero:

  • 1 valigetta portattrezzi di plastica;
  • 1 trasformatore 220-26 VAC;
  • 1 pannellino di compensato;
  • 2 portafusibili;
  • 1 interruttore, 1 spina e un cavo per l’alimentazione;
  • 1 cavo e 2 morsetti per il collegamento con la batteria;
  • morsetti e conduttori per i collegamenti interni;
  • viti e ferramenta.

Materiali acquistati (Amazon):

  • 1 modulo scheda raddrizzatore da 5-34 VAC a 7-50 VDC (euro 18,99);
  • 1 modulo regolatore di tensione step-down da 4-40 volt DC a 1,25-36 volt DC (euro 8,99);
  • 1 voltmetro amperometro digitale con display led DSN-VC288 (euro 3,50).

Realizzazione del caricabatterie auto fai da te in valigetta

Tempo richiesto: 4 ore.

  1. Fissare sul fondo della valigetta la tavoletta di multistrato

    Dato il peso del trasformatore, si usa la tavoletta di multistrato, opportunamente dimensionata, per alloggiarvi, fissandoli con viti, i componenti elettronici: trasformatore, modulo raddrizzatore e modulo regolatore di tensione. Applicando sei distanziali, si fissa l’insieme al fondo della valigetta, mediante altrettante viti, dadi e il doppio delle rondelle.

  2. Aprire una finestrella su misura e inserire il voltmetro/amperometro digitale

    Il voltmetro/amperometro digitale da pannello va inserito in una finestrella di misura, aperta sul fianco della valigetta; sullo stesso lato si praticano anche i due fori in cui alloggiare i portafusibili da pannello.

  3. Forare i due comparti a lato della maniglia

    Il coperchio della valigetta ha due comparti, a lato della maniglia, dotati di loro sportello di chiusura. Il fondo di entrambi va forato per far passare i conduttori: in uno quelli che portano corrente alla batteria da caricare, nell’altro i cavi di alimentazione. In questo modo i cavi possono essere raccolti nei comparti, quando lo strumento non è utilizzato, quindi tutto sta dentro la valigetta.

  4. Stendere i conduttori all’interno del contenitore

    Si procede con la stesura dei conduttori all’interno del contenitore, facendo progressivamente i collegamenti elettrici fra i componenti del dispositivo, seguendo lo schema predisposto in fase progettuale.

  5. Disporre l’interruttore on/off

    Sul fondo del contenitore destro, presente nel coperchio, è situato il comando di accensione, un interruttore a pulsante on/off da pannello.

  6. Possibilità di ricaricare diverse batterie

    Il cavo di uscita verso la batteria è interrotto da un connettore volante impermeabile per auto 50 VCC 10A che permette di realizzare un paio di cavi terminati in modo differente (morsetti grandi o coccodrilli), per avere la possibilità di ricaricare i vari tipi di batterie.

Progetto di Romeo Bolzonella

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *