altalena basculante
Home / Fai da te / Costruzioni fai da te / Esterni / Altalena basculante fai da te in legno

Altalena basculante fai da te in legno

 

Per il divertimento dei più piccoli un’altalena basculante è robusta e non ha nulla da invidiare ai modelli che si trovano nei parchi giochi; nessun incastro, l’assemblaggio dei pezzi avviene solo per avvitatura e la barra basculante può essere posta a due altezze differenti

La costruzione di questa altalena basculante è nata da un’idea originale, prendendo spunto dai modelli in commercio per ricavarne un progetto personalizzato. L’abbiamo realizzata tagliando quasi tutti i pezzi necessari da tre tavole di abete da 170x50x4000 mm: soltanto i due sedili si ricavano da una tavola spessa 25 mm. Dalle misure finali è intuibile che si è resa necessaria una consistente piallatura, il che fa pensare che il materiale di partenza fosse costituito da tavole da ponte con evidenti irregolarità superficiali.

In una nostra precedente guida abbiamo anche parlato di come costruire un’altalena-dondolo fai da te

Altalena a bilico

Dopo un primo taglio a squadra dei pezzi, ognuno di essi è stato opportunamente sagomato in base al progetto: gli elementi verticali con le estremità superiori stondate, quelli orizzontali con il taglio parziale a 45° delle estremità, i sedili con una forma anatomica che li rendesse comodi. Solo 4 pezzi, le traverse della base e i rinforzi della barra, non richiedono ulteriori passaggi.

Dopo la carteggiatura degli elementi e la smussatura di tutti gli spigoli a vista, si effettua il trattamento con due mani di impregnante trasparente prima di passare al montaggio, così da proteggere integralmente il legno. Sui pezzi B, C e D, destinati a rimanere a contatto con il prato e perciò esposti all’umidità, si stende uno strato protettivo (tipo catramina) per uno spessore di 30 mm, per inibire l’assorbimento d’acqua.

Costruire altalena legno

Prima per la base e poi per la barra basculante, si accostano via via i pezzi per tracciarne gli ingombri e realizzare i prefori per le viti in acciaio con una punta da 3 mm. Affidarsi a sistemi d’unione più laboriosi e sofisticati non è il caso: la costruzione risulta più che robusta per l’utilizzo a cui è destinata e ogni pezzo può essere smontato facilmente a distanza di tempo, per effettuare una sostituzione o per recuperare il legno quando l’altalena non servirà più.

I profili curvi dei pezzi A, B, C, D, E, F sono realizzati utilizzando un pantografo con fresa a raggio concavo. I pezzi G, fissati a 770 mm dalle teste dei longheroni, collaborano con i supporti E a conferire rigidità alla barra basculante.

Il perno centrale dell’altalena basculante è una barra filettata di buon diametro, tagliata a misura tale da non sporgere oltre le teste dei dadi di serraggio laterali; gli spezzoni di tubo di plastica la isolano dal legno per evitare sfregamenti che porterebbero in breve a ovalizzare e rendere laschi i fori. Ai primi segni di usura, anche il tubo di plastica è facilmente sostituibile.

Altalena basculante: la costruzione fai da te

Dopo aver preparato tutti i pezzi con le relative sagomature, i prefori per le viti, le sedi per il perno centrale, quelle per le impugnature e il trattamento di finitura, si inizia l’assemblaggio dalla base, collegando le due traverse interne C con i due montanti centrali D.
I montanti D presentano due fori  Ø 25 mm lungo l’asse centrale, uno a 75 mm dall’estremità superiore e l’altro a 130 mm. Questo permette di imperniare il blocco dell’altalena a due differenti livelli e variare l’escursione in altezza della barra, oltre a poterla adattare alla crescita dei bambini.
Per completare la base si collega il blocco C+D alle assi esterne B; queste hanno gli spigoli superiori tagliati a 45° per una misura dei cateti del triangolo da asportare di 100 mm, così che nella parte inferiore rimanga un “dente” verticale di 50 mm.
Nei fori dei montanti D il tubo di plastica è tagliato a misura del loro spessore e inserito a mo’ di boccola; i due longheroni A sono invece attraversati da un unico spezzone di tubo.
E per le impugnature si trovano a 300 mm dalle teste dei longheroni A; i sedili F vengono fissati alle estremità dei logheroni con uno sbalzo posteriore pari a circa 1/3 della loro lunghezza.
Le impugnature, ricavate da un manico di badile, sono inserite in fori Ø 30 mm aperti nelle teste dei supporti H e bloccate con una spina di legno.
Altalena basculante fai da te in legno ultima modifica: 2018-07-05T09:32:14+00:00 da Redazione Bricoportale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *