Carrello porta attrezzi fai da te stabile e capiente | Guida illustrata

Un attrezzo utile in laboratorio o in garage, per avere a portata di mano tutto il necessario, utensili e materiali di consumo, quando si effettuano lavori di costruzione, riparazione o manutenzione. I pregi di questo carrello porta attrezzi fai da te sono la visibilità di tutti i ripiani, la loro accessibilità immediata, la maneggevolezza negli spostamenti che consente di averlo sempre vicino

Senza nulla togliere all’utilità dei classici carrelli da garage e laboratorio, fatti di metallo, nei cassetti dei quali si raccolgono ordinatamente le serie di chiavi, bussole, pinze, strettoi ecc, ne proponiamo una versione particolare per forma e modalità di utilizzo, un carrello porta attrezzi fai da te che si pone come anello di congiunzione fra il carrello da officina e la semplice borsa degli attrezzi.

L’esigenza è quella di avere una mobilità che si avvicini a quella di una borsa, con una capienza che si avvicini a quella di un carrello più strutturato. Abbiamo detto “si avvicini” perché ovviamente in entrambi i parametri non si raggiungono i livelli della borsa e del carrello “serio”, ma c’è un terza peculiarità per cui la soluzione proposta è impareggiabile: l’immediatezza di fruizione di tutto ciò che vi viene messo. Sì, perché la disponibilità di cinque ripiani aperti, su cui distribuire con un certo ordine non solo le attrezzature che servono, ma anche i materiali di consumo, è un vantaggio enorme che permette di procedere nel lavoro con la massima comodità.

Anche se ci si deve spostare di qualche metro nel laboratorio o nel garage, ci si può tenere a fianco il carrello porta attrezzi fai da te, che si muove docilmente sulle ruote pivotanti di generose dimensioni (più sono grandi e più il carrello riesce a muoversi bene anche sui fondi più accidentati).

Quando si affronta un nuovo progetto, si raccoglie tutto ciò che serve sul carrello e se a sera non si è concluso il lavoro, si lascia tutto lì, a disposizione, per continuare il giorno dopo, spostandolo soltanto in un punto in cui non sia d’ingombro. L’unico vassoio amovibile dà modo di portare via un set base di attrezzi, per qualsiasi altra evenienza.

Costruzione rapida ed essenziale

Tanto è immediato e naturale l’utilizzo del carrello porta attrezzi fai da te, tanto è veloce e basica la sua costruzione. Si costruiscono prima i 5 vassoi, quasi in serie visto che la procedura è la stessa e le misure cambiano, ma solo in parte. La larghezza e l’altezza, infatti, sono le medesime per ognuno, tranne l’eccezione del vassoio centrale che, essendo amovibile, deve essere 5 mm più stretto degli altri per metterlo e toglierlo senza fatica.

Di fatto si acquista o taglia una serie di listelli di abete larghi 70 mm circa, spessi più o meno 20 mm per una lunghezza complessiva di quasi 16 metri, sufficiente a ricavare tutte le sponde dei vassoi, più i 4 montanti (A) e le 2 bretelle (J). Da questi si tagliano gli 8 pezzi B, poi 2 pezzi C, le 5 coppie (D, E, F, G, H) di lunghezza decrescente, i 4 montanti A, con taglio inclinato alla base e sagomatura all’apice, infine i due pezzi J. Si preparano i pannelli di fondo dei vassoi usando compensato da 6 mm di spessore, con misure 600×500, 500×500, 400×495, 300×500, 210×500 mm.

Il pezzo K è il divisorio del vassoio centrale con un rilievo asolato nel mezzo a mo’ di impugnatura. I vassoi si uniscono alla struttura portante, irrobustita con le due bretelle J alla base; sotto queste si fissano 4 rotelle pivotanti, che consentono il facile movimento del carrello e la rotazione su sé stesso.

  • A – montanti, 70x20x1120 mm
  • B – frontali vassoi fissi, 70x20x500 mm
  • C – frontali vassoio rimovibile, 70x20x495 mm
  • D – lati vassoio, 70x20x560 mm
  • E – lati vassoio, 70x20x460 mm
  • F – lati vassoio, 70x20x360 mm
  • G – lati vassoio, 70x20x260 mm
  • H – lati vassoio, 70x20x170 mm
  • J – bretelle, 70x20x500 mm
  • K – divisorio vassoio centrale, 90x20x455 mm
  • L – fondo vassoio, 500×600 mm
  • M – fondo vassoio, 500×500 mm
  • N – fondo vassoio, 500×400 mm
  • P – fondo vassoio, 500×300 mm
  • Q – fondo vassoio, 500×210 mm
  • R – spine di legno Ø 18 x 25 mm

Facile da movimentare e versatile

Anche se carico di attrezzi, le ruote pivotanti permettono al carrello porta attrezzi fai da te di scorrere agevolmente su pavimenti lisci e non.
Per superare eventuali ostacoli si può inclinare l’intero carrello porta attrezzi fai da te che, per merito della forma con ingombri decrescenti verso l’alto, mantiene il baricentro nella sagoma e non ha tendenza al ribaltamento.
Comodissimo il ripiano amovibile, in cui si possono raggruppare gli attrezzi più comunemente utilizzati, per poterli portare tutti insieme in una volta.

I passi principali del montaggio del carrello porta attrezzi fai da te

  1. Realizzare la struttura del carrello porta attrezzi fai da te

    Posizioniamo due montanti A in modo da formare un triangolo isoscele al quale mettiamo come base il listello D, nella posizione (a) in cui i suoi spigoli inferiori toccano le facce esterne dei montanti; poi, mettendo due piccoli pezzi di scarto (b) spessi 20 mm come i pezzi J, tracciamo le linee lungo le quali troncare i montanti.

  2. Allestire i vassoi

    Allestiamo i vassoi unendo i frontalini in sormonto ai fianchi, applicando colla vinilica e due viti per ogni giunzione. In questi fissaggi usiamo viti a filettatura parziale, con sezione 4,0×50 mm di lunghezza.
    carrello porta attrezzi fai da te

  3. Chiudere il fondo dei vassoi

    Il fondo dei vassoi lo fissiamo con colla vinilica e piantando una serie serrata di chiodi ad aderenza migliorata da 2,1×30 mm.

  4. Fissare i vassoi ai montanti

    Colorati i montanti e prese con attenzione le misure per posizionare i vassoi correttamente, li fissiamo con due viti 4,0×35 mm avvitate su ogni montante del carrello porta attrezzi fai da te.
    carrello porta attrezzi fai da te

  5. Predisporre per l’appoggio del vassoio centrale

    Per l’appoggio del vassoio centrale sulle spine di legno facciamo le 4 sedi con una mecchia di misura corrispondente (18 mm). Realizzare solo metà foro è semplice se mettiamo un pezzo di scarto tenuto bene con un sergente contro il vassoio.

  6. Applicare le viti pivotanti

    Le ruote pivotanti hanno piastre asolate per il fissaggio; le applichiamo con viti da 4,0×25 mm, in modo che non spuntino dal fondo dei vassoi.
    carrello porta attrezzi fai da te

Articoli simili

- Annunci -

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Tutorial Fai da te

Le guide di Almanacco

Progetti dei lettori

176,122FansLike
8,301FollowersFollow
97,382FollowersFollow
40,000SubscribersSubscribe