Fai da te costruzioni
Home / Fai da te / Costruzioni fai da te / Lampade e illuminazione / Lampadario fai da te | Come ottenerlo da una semplice scatola
lampadario-fai-da-te

Lampadario fai da te | Come ottenerlo da una semplice scatola

 

Per realizzare un lampadario fai da te abbiamo preso una semplice scatola di plexiglas colorato: le lampadine sono avvitate ai portalampada collegati al cavo elettrico che scende dal soffitto e lasciate libere

A volte per realizzare un lampadario fai da te basta veramente poco: nel nostro caso la fonte luminosa, costituita da una o due lampadine, è completamente separata dal paralume, appeso al soffitto in modo indipendente tramite due coppie di cavetti, allacciati a tasselli a gancio e a barrette trasversali inserite tra i pannelli di plexiglas.

Lampadario fai da te bricolage: cosa ci serve

Ci servono 5 pezzi di plexiglas spessi 5 mm: 4 rettangoli colorati alti 300 mm (due lunghi 800 mm e due lunghi 150 mm), più un diffusore trasparente o colorato da 770×120 mm. Occorrono inoltre 4 barrette Ø 6×145 mm e 4 cavetti metallici Ø 2×1000 mm con 8 morsetti fermacavo. Il plexiglas può essere scelto nel colore più idoneo.

La costruzione della scatola

Per realizzare il nostro lampadario fai da te abbiamo seguito alcuni passaggi chiave.

Per aumentare la superficie di incollaggio, i lati verticali dei pannelli si smussano a 45° inclinando la lama della sega circolare.
Sulle facce interne dei pannelli lunghi pratichiamo i 4 fori ciechi per le barrette, a 100 mm dai lati corti e a 15 mm dai lati lunghi, con punta Ø 6 mm.
Levighiamo i lati orizzontali dei pannelli per eliminare le bave prodotte dal taglio.
Accostiamo in piano e ben allineati i 4 pezzi nella successione corretta, con la faccia interna rivolta in basso; uniamoli con due strisce di nastro applicate a tutta lunghezza e poi capovolgiamo l’insieme; nelle gole stendiamo l’adesivo epossidico.
Capovolgiamo la striscia e pieghiamo a scatola per unire i pezzi; prima di chiudere l’ultimo lato e bloccarlo con altre due strisce di nastro, inseriamo le 4 barrette di irrigidimento, toglieremo il nastro quando la colla avrà fatto presa.
Attorno alle barrette superiori, facciamo passare i cavetti di sospensione che chiudiamo a cappio con i fermacavo. Facciamo altri due cappi alle estremità opposte e inseriamo a soffitto due tasselli a gancio per la sospensione; lo schermo diffusore va solo appoggiato sulle barrette inferiori.

Lavorare il plexigas

Il taglio

Possiamo usare il seghetto alternativo equipaggiato con lama a dentatura fine. L’avanzamento non deve essere veloce per evitare crepe, specie con lastre spesse meno di 5 mm. Le operazioni di taglio lasciano sempre nell’aria un odore di resina acrilica, per cui è bene arieggiare il locale.

La foratura

Quando si praticano fori nel plexiglas è importante impostare una velocità di rotazione moderata e tenere bassa la temperatura della zona bagnando con acqua. Gli angoli di spoglia della punta devono essere bassi in modo che i taglienti non risultino troppo aggressivi.

L’incollaggio

Il plexiglas si incolla con adesivi acrilici che evaporano a contatto con l’aria e vengono assorbiti dal materiale. Si distribuisce l’adesivo tra le due superfici perfettamente levigate poste a contatto; per rendere meno visibile l’unione si può utilizzare un dosatore munito di un ago.

La sospensione al cavo elettrico

Se il lampadario fai da te ha un peso limitato, come in questo caso, e non è provvisto di gancio per collegarlo al terminale a soffitto, possiamo utilizzare un reggifilo in plastica.

Ecco lo schema disegnato e semplificato.

Si tratta di una placchetta con tre fori disposti sull’asse verticale: nei due fori inferiori si fa passare il cavo di alimentazione come mostra il disegno, entrando prima dal foro inferiore e poi, in senso opposto, da quello centrale. Il foro superiore è quello che va inserito nel gancio a soffitto. In questo modo lo sforzo grava solo sul reggifilo e non sul cavo di alimentazione. In alternativa si può avvolgere l’estremità superiore del cavo con un filo metallico chiuso a occhiolo, badando a non incidere la guaina, e interporre tra questo e il gancio a soffitto un ulteriore gancio a S.

 

Lampadario fai da te | Come ottenerlo da una semplice scatola ultima modifica: 2018-06-14T09:54:44+00:00 da Redazione Bricoportale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *