Come lavorare il ferro battuto

Consigli pratici per imparare a lavorare il ferro battuto

ferro battuto, come lavorare il ferro battuto, ferro battuto fai da te, fai da te, lavorare il ferro, lavorare ferro battuto, realizzazioni in ferro battuto Il ferro battuto può essere, entro certi limiti, lavorato a freddo, ma per ottenere particolari sagomature è necessario lavorarlo a caldo tra 650-900 °C. A temperature più basse il metallo si “crepa” sotto l’effetto della martellatura, a temperature superiori c’è il rischio di inizi di fusione o di bruciature. In questo arco di temperatura il ferro assume un colore rosso-bianco e può essere battuto con il martello sull’incudine, appiattito e sagomato in vario modo. I pezzi, così elaborati, possono essere uniti per saldatura (elettrica o a gas) oppure assemblati con sistemi tradizionali quali fascette, perni ribattuti o altro, ottenendo manufatti in ferro battuto.

Cosa bisogna sapere circa il ferro battuto:

  • La forgia è l’attrezzo base per eseguire lavorazioni con il ferro battuto in quanto consente di accendere il carbone e mantenere un fuoco vivace che raggiunge alte temperature. Il carbone si colloca su un piano leggermente sagomato a tramoggia. Al centro c’è la bocca di un condotto da cui esce l’aria inviata da una ventola ad alette, azionata a mano o elettrificata. L’aria alimenta in continuo le braci di carbone in cui viene inserito, per il tempo necessario, il pezzo di ferro da lavorare.

Cosa serve per lavorare il ferro battuto:

Come lavorare il ferro battuto

ferro battuto, come lavorare il ferro battuto, ferro battuto fai da te, fai da te, lavorare il ferro, lavorare ferro battuto, realizzazioni in ferro battuto

  1. Manteniamo il pezzo di ferro di cui va riscaldata un’estremità per poterla lavorare, immerso nella brace della forgia. Muoviamo il ferro in modo che il calore lo raggiunga da ogni parte.
  2. Battiamo l’estremità del pezzo sull’incudine appena lo togliamo dalla forgia, in modo da appiattirlo, curvarlo e sagomarlo. Non battiamo troppo forte per non spaccare il metallo ancora tenero.
  3. Le piattine che devono assumere una determinata curvatura le lavoriamo a freddo, bloccandole nella scanalatura di un elemento cilindrico e piegandole con le mani grazie a elementi di riscontro.
  4. I riccioli sui tondini li eseguiamo a freddo piegando il ferro entro una cavità praticata in un blocchetto di ferro. A seconda della spinta esercitata possiamo ottenere curvature di raggio diverso.
  5. Le parti appiattite con il martello le possiamo ulteriormente elaborare e sagomare con la lima, per conferire una curvatura costante ed eliminare eventuali bordi taglienti che possono essersi formati.
  6. La torcitura dei quadrelli si realizza a caldo. Estratto il pezzo dalla forgia lo inseriamo in un tubolare quadro e lo torciamo con una chiave a forchetta. Se si raffredda, lo riscaldiamo nuovamente.

Fascette e perni in ferro battuto

ferro battuto, come lavorare il ferro battuto, ferro battuto fai da te, fai da te, lavorare il ferro, lavorare ferro battuto, realizzazioni in ferro battuto

Le unioni di elementi in ferro battuto possono essere realizzate a freddo. Una piattina nervata viene saldamente avvolta intorno ai pezzi da collegare e stretta in posizione con una chiave a pappagallo. Qualche colpo di martello rifinisce l’unione rendendola ben salda (1). Un altro sistema tradizionale consiste nel forare i due pezzi e inserire un perno di ferro le cui teste vengono ribattute sull’incudine (2).

Articoli simili

- Annunci -

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Tutorial Fai da te

Le guide di Almanacco

Progetti dei lettori

176,042FansLike
8,263FollowersFollow
97,382FollowersFollow
40,000SubscribersSubscribe