Home / Ristrutturare casa / Lavori in casa / Pavimentare / Pavimentazione autolivellante | Cosa è e come si realizza
pavimentazione autolivellante

Pavimentazione autolivellante | Cosa è e come si realizza

 

pavimentazione autolivellante in garageSe il garage o la cantina non sono stati pavimentati all’origine, ma ci si è accontentati di un massetto in cemento sufficientemente piano,  col passare del tempo compaiono i primi problemi: occorre intervenire con una pavimentazione autolivellante

Ripristinare la planarità del supporto e facilitarne la manutenzione, proteggendolo altresì da macchie ostinate, non è affatto complicato è un lavoro alla portata di chi ha la passione del bricolage, senza l’intervento di muratori esperti: con una pavimentazione autolivellante, rispettando la corretta diluizione, si possono colmare anche dislivelli significativi ed ottenere una pavimentazione uniforme senza intervenire su porte e serrande. I pavimenti autolivellanti risolvono moltissimi problemi

Come diluire il Cemento autolivellante per pavimenti

Solitamente il prodotto è in polvere e va diluito con acqua in quantità di 5,5-6 litri per sacco da 25 kg. Si prepara un secchio di malta per volta, non tanto per la lavorabilità del prodotto che ha tempi di apertura compresi tra 20 e 40 minuti, ma per la praticità di stesura:

Come stendere l’autolivellante

Il preparato va colato a pavimento e steso con una manara, grandi quantità diventano difficili da gestire per realizzare pavimentazioni per garage.
L’impasto ha un’ottima resa, circa 1,4-1,6 kg/mq per ogni millimetro di spessore da colmare, e dopo poco più di un paio d’ore è già pedonabile, non necessitando di un’asciugatura in profondità. Eventualmente, dopo solo 12 ore, si può procedere con la piastrellatura.

Operazioni preliminari

Le operazioni preliminari consistono nell’accurata pulizia del pavimento esistente e lo sgrassaggio, specie se in presenza di una piastrellatura  deteriorata che non si intende rimuovere: da valutare se occorre stendere un primer per favorire l’aggrappaggio della malta.

Malta autolivellante

Già con la malta autolivellante si migliora la manutenzione del pavimento; tuttavia, per non affrontare la spesa di una piastrellatura, si possono utilizzare smalti epossidici mono o bicomponente e completare la finitura, agevolando le operazioni di pulizia. Nei centri fai da te possiamo trovare smalti di questo tipo in vari formati e in diversi colori.

Preperazione della Pavimentazione autolivellante

Nei casi in cui la superficie risulta essere particolarmente deteriorata e grezza può essere necessario trattarla preventivamente con un latex appropriato, al fine di garantire un’adesione ottimale della malta autolivellante.

Distribuzione del cemento autolivellante

 

  1. La malta autolivellante per pavimenti si prepara miscelando la polvere con acqua, secondo le indicazioni del produttore, meglio servendosi di una frusta montata sul trapano per ottenere un composto abbastanza fluido. Lo si lascia riposare alcuni minuti, poi lo si cola sul pavimento.
  2. Se lasciato abbastanza liquido, il composto colma spontaneamente i dislivelli esistenti. La distribuzione, in strato sottile, va però assecondata con una manara; eventuali depressioni più consistenti possono essere colmate con uno strato successivo di impasto.
UTENSILI
Trapano con miscelatore, secchio, manara, cazzuola
Pavimentazione autolivellante | Cosa è e come si realizza ultima modifica: 2018-09-26T12:00:43+00:00 da Redazione Bricoportale

18 commenti

  1. Me lo hanno fatto 2 mesi fa, avendo un doppio garage che uso anche come magazzino, certo ho risolto il problema della polvere, ora con questa tecnica è molto più pulito. Me lo ha consigliato la ditta edile della mia zona che ho scelto sul portale Edilnet.it

     
  2. franco anselmucci

    capire bene se conviene un massetto da cm 12 in cls elicotterato per poi posare un pavimemto sportivo in gomma da 8mm in una palestra.

     
  3. È consigliabile in una cantina con pavimento in terra battuta?

     
  4. Salve, se utilizzato su un pavimento in cemento preesistente di dimensioni 3,4×4,5, sapendo di dover riempire circa 1-1,5 cm di spessore di dislivello, di quanto sarebbe la spesa ?

     
  5. ho un garage dove per anni c’è stata una officina meccanica. oggi il pavomento di cemento grezzo è grassa e con tanti buchi. come posso rifare il pavimento senza mattonelle? o mi consigli mattonelle?
    ciao franco

     
  6. Buongiorno ho una cantina con lavanderia ufficio ĺocale caldaia e bagno che ad oggi è tutto grezzo e rovinato.
    Se utilizzo malta auto livellante va bene? Posso mettere sopra microcemento anche in fai da te? E per le pareri orizzontali cosa mi consiglia?
    Grazie

     
    • Buongiorno Serena,

      Su pavimento grezzo va bene un prodotto autolivellante, purché si presenti abbastanza regolare, privo di parti incoerenti, fuori polvere e, se ci sono irregolarità che causano dislivelli, queste siano di pochi millimetri, anche se ci sono prodotti in grado di colmare fino a 10 mm. In caso di dislivelli superiori, conviene prima ridurli, valutando se convenga un ripristino della planarità a zone prima di stendere l’autolivellante oppure applicarlo in doppio strato su tutta la superficie del locale.
      Se il prodotto viene steso correttamente basta da sé: il microcemento è sprecato in un locale del genere, si può utilizzare un prodotto verniciante per rendere il pavimento antipolvere e facilmente pulibile.
      Quanto alle pareti, dipende in che stato si trovano: il locale è esposto a umidità, perciò occorre sicuramente una finitura altamente traspirante e antimuffa, oltre a garantire un ricambio d’aria.

      Cordiali saluti.

       
  7. Buongiorno, ho un garage doppio in larghezza a cui purtroppo è stata data la pendenza del massetto in cemento al contrario, mi spiego ,tutta l’acqua che entra piovendo e l’acqua che si porta dentro con le auto , non va verso la basculante ma verso l’interno del garage.
    Stendendo l’autolivellante potrei risolvere il problema? Quantomeno riuscirei ad ottenere un piano?
    Grazie mille!

     
  8. Da miei conteggi, non si risparmia nulla, anzi, sotto i 50 mt non conviene proprio.
    Fino a queste dimensioni è meglio, più sbrigativo, economico, porre piastrelle in porcellana piena.
    Costano circa 5 € a mt quadro.
    Sono soluzioni da considerare per superfici ben più ampie…
    Dico bene?

     
    • Il costo di un pavimento autolivellante può variare dai 12 ai 25 euro a metro quadrato.
      Si tratta sicuramente di una soluzione non propriamente economica, ma l’unica in grado di risolvere problemi specifici come il livellamento del pavimento.

      Cordiali saluti.

       
  9. Salve, vorrei fare una domanda , ma sarebbe possibile ultilizzare questo tipo di malta autolivellante anche per un’abitazione?
    Io ho una pavimentazione piastrellata grigia e vorrei fare tutto di cemento , questa prodotto potrebbe andare bene?
    Se si , sapreste consigliarmi una finitura incolore ?
    Grazie

     
  10. Buonasera, ho rifatto un massetto di cemento con rete elettrosaldata attorno alla casa, sono state rifatte le pendenze e l’acqua non ci muore. Ora abbiamo pensato di trattare le superfici con cemento autolivellante max spessore 3, 5,mm possibilmente colorato e magari creare contestualmente delle fughe per movimentare/ rendere più gradevole il piano, la superficie da trattare è di circa 110 mquadri. potreste indicarmi i materiali e i costi? E’ possibile aggiungere all’autolivellante degli inerti? ed eventualmente quali.
    grazie

     
  11. Buongiorno, sto ristrutturando il mio appartamento e, togliendo le vecchie piastrelle, mi sono accorta che c’è un dislivello di circa 5 cm.
    Sapete dirmi, senza rifare tutto il massetto, quanti cm riesco a recuperare con il cemento autolivellante?
    Grazie.

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *