Costruire giocattoli

Cavallo a dondolo fai da te in legno

2
cavallo a dondolo fai da te
 

Le tavole unite in pannelli servono per ritagliare le parti con cui comporre corpo, testa, coda e gambe del cavallo. Le giunzioni sono fatte con colla vinilica e spine di legno

Per la realizzazione di questo cavallo a dondolo fai da te in legno, il nostro lettore Giacomo Lombardi ha utilizzato tavole grezze, ricavate da una pianta tagliata ed essiccata in proprio.

La prima operazione, quindi, dopo averle scortecciate, è quella di piallarle per squadrarne i lati e poterle accoppiare per fare pannelli grandi a sufficienza per la costruzione. Le parti che compongono il cavallo a dondolo fai da te vanno levigate per rimuovere completamente gli spigoli vivi e le asperità della superficie che, dopo numerose passate, diventa perfettamente liscia al tatto.

L’operazione è necessaria per preservate la tenera cute dei bimbi, evitando che si possano ferire con le schegge di legno. La finitura del cavallo a dondolo fai da te è affidata a un protettivo impregnante per legno all’acqua, dato in diverse mani, ognuna intercalata da una passata di carta vetrata sempre più fine.

La parte del dondolo fai da te è studiata molto attentamente per poter garantire l’equilibrio laterale e longitudinale. Una curvatura sbagliata, come anche una posizione troppo avanzata o arretrata del cavallo, danno come risultato l’impossibilità di utilizzo del giocattolo, che rimane sbilanciato, soprattutto quando il bimbo monta in sella.

Dima di riferimento per il cavallo a dondolo fai da te

progetto cavallo a dondolo

Sagoma cavallo a dondolo

Costruire cavallo a dondolo in legno

piallatura e unione del legno

  1. Le tavole di legno stagionato, ma ancora grezzo, vanno piallate per renderne perfettamente lisce, piane e squadrate le superfici, preparandole ad essere unite con colla e strettoi per formare pannelli di dimensioni sufficientemente grandi.
  2. Dopo aver disegnato a matita le parti del cavallo a dondolo fai da te su un foglio di cartoncino, si ritagliano le sagome e se ne cerca l’accoppiamento sui pannelli realizzati precedentemente, facendo attenzione che il senso della fibratura del legno rimanga orientato in modo corretto sotto il profilo estetico.
  3. Tracciati i contorni delle sagome sulle tavole, si possono praticare i tagli. Per seguire le curvature, considerato il notevole spessore delle tavole stesse, va utilizzata una sega a nastro, anche se un buon seghetto alternativo riesce ugualmente nell’intento, senza grossi problemi.
  4. Il corpo del cavallo a dondolo fai da te è vuoto all’interno e aperto nella parte sottostante, ovvero è formato da 5 pannelli sagomati ad hoc (gli unici uguali sono i fianchi) per essere uniti con la colla e messi in forma con strettoi sino ad essiccatura avvenuta.
  5. I pannelli frontale e posteriore si passano con la sega a nastro per far prendere loro la curvatura dei fianchi, facendo assumere al corpo del cavallo la giusta conformazione.
  6. Gli spigoli sui fianchi, ma solo nella zona centrale, vanno arrotondati in modo che il cavallerizzo sia agevolato nello stare in groppa.
  7. Il lavoro grosso si fa con la levigatrice usando carta abrasiva a grana grossa, mentre la rifinitura è affidata ad una spugna, carta vetrata fine e “olio di gomito”.
  8. I particolari come le narici vengono realizzati montando una fresa a raspa sul mandrino del trapano.

Testa, coda e zampe

costruzione cavallo a dondolo

  1. Dopo aver sagomato i pannelli di legno, ricavando la testa, le zampe e la coda del cavallo, questi vanno passati con una fresatrice a tuffo in modo che il bordo esterno sia perfettamente arrotondato e liscio.
  2. La coda deve essere modellata per farle prendere la forma del fondoschiena del cavallo. Ci si aiuta facendo sul momento un’ulteriore sagoma di cartone.
  3. La coda viene fissata con una spina di faggio più due tirafondi messi dall’interno: sistemata la spina, si praticano nel corpo i due fori di passaggio dei tirafondi, quindi la si mette in sede provvisoriamente per marcare da sotto la posizione precisa dei prefori d’avvitatura.
  4. Applicata la coda, dopo aver spalmato di colla la spina e la superficie di contatto col corpo del cavallo, si inseriscono i tirafondi da sotto e si tirano a dovere.
  5. Lo stesso va fatto per la testa del cavallo che include collo e criniera. La spina anche in questo caso va posizionata adeguatamente, per rendere possibile l’inserimento con il perfetto accoppiamento delle curve.
  6. Le gambe si affiancano al corpo del cavallo in una zona del tutto piana, quindi si possono mettere più spine di faggio senza problemi. Se ne mettono 4 per ognuna, in modo da garantire la massima robustezza della giunzione; al loro centro, dall’interno, si mette un tirafondo.

Le due impugnature

impugnatura di legno

  1. Ogni impugnatura è realizzata lavorando al tornio un travetto di legno massello. Una prima passata per renderlo cilindrico, successivamente con uno scalpello si praticano gli intagli a distanze regolari che aumentano il grip.
  2. Centrato e perfettamente in asse, va praticato un foro all’estremità di ognuna delle due impugnature, per poter inserire un bussolotto a vite da legno sull’esterno e internamente filettato a passo metrico.
  3. Un analogo bussolotto va messo nei due fori ciechi praticati in posizione speculare, ai lati della testa del cavallo.
  4. Avvitato a mano uno spezzone di barra filettata nel bussolotto dell’impugnatura, l’insieme si inserisce e avvita nel bussolotto della testa, stringendo a mano, sino ad ottenere una buona solidità, senza esagerare.

I dondoli fai da te

dondolo fai da te

  1. Anche per la realizzazione delle due barre a dondolo è necessario fare una sagoma di cartone con la quale ricavare due longheroni identici.
  2. I tagli vanno eseguiti con la sega a nastro. Per evitare “sbandieramenti” della lama, che arrecano molta imprecisione, bisogna abbassare più possibile il guidalama superiore.
  3. Per bene che si porti il pezzo sulla lama, non si ottiene mai una superficie regolare del tutto. Montando un tamburo cilindrico con carta abrasiva sull’albero della toupie si ottiene una levigatura perfetta perché le passate avvengono con i legni che scorrono in piano.
  4. I due pattini vanno resi solidali con traversi che si fissano con giunzione a tenone e mortasa. La mortasa si prepara con la cavatrice della combinata, aprendo un’asola c
    ieca con le estremità arrotondate.
  5. La stessa forma va data ai tenoni che devono trovare incastro con la mortasa. Dopo aver marcato la profondità del tenone, l’estremità del traverso va tagliata per ottenere la larghezza dell’asola e poi con la raspa si arrotondano i bordi.
  6. Realizzati tutti i traversi, dopo una prova in bianco per verificare l’accoppiamento dei pezzi, si spalmano di colla i tenoni e si assembla definitivamente il tutto.

L’occhio

occhio del cavallo

  1. Scelta una biglia di vetro per la realizzazione del bulbo oculare, se ne misura il diametro per fare un foro cieco su ogni lato della testa. Alla grossa punta da legno si mette un giro di nastro adesivo per calibrare meglio la profondità.
  2. L’ideale è che la biglia si inserisca in profondità per due terzi nel foro; in questo va tenuto conto dello spazio aggiuntivo, lasciato dal foro di centratura della punta da legno. Solo per questioni estetiche il foro va leggermente ovalizzato usando una piccola fresa montata nel mandrino di un minitrapano da modellismo.
  3. Con il minitrapano si incidono i bordi delle palpebre e le ciglia,
  4. in seguito si mettono in maggiore evidenza ritoccandole a pennello con un po’ di mordente. La biglia si fissa infine con colla di montaggio, messa sul fondo del foro.

Ti interessano i cavalli giocattolo? Visita il sito del museo del cavallo giocattolo ricco di informazioni storiche.

Vedi anche

2 Commenti

  1. vorrei avere le misure. guardando la dima, quali sono le dimensioni di ogni quadretto? se ogni quadretto fosse da 10cm il cavallo sarebbe lungo circa 75cm. E’ corretto?
    grazie mille

     
    1. Buonasera Pietro,

      Consigliamo di realizzare il cavallo a dondolo in legno considerando 7,5 cm la lunghezza dei quadretti della dima. In tal modo otterrà una seduta di circa 30 cm, sicuramente comoda per un bambino, e circa 109 cm di lunghezza per le barre a dondolo. Considerando 10 cm forse diventa un po’ ingombrante…

      Cordiali saluti.

       

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *