Riparare il marmo rotto o scheggiato

Per riparare il marmo servono speciali collanti, qualche trucco ed un po’ di precisione

Un oggetto pesante in caduta, un errore di manovra mentre la si maneggia e la lastra di marmo, seppur compatta e solida, può spezzarsi; magari salta solo uno spigolo, ma anche se il danno è meno importante di quello raffigurato, riparare il marmo pare impossibile.

Visto che ormai il danno c’è, tanto vale tentare una riparazione del marmo e, con pazienza ed un po’ di fortuna, ci sono buone probabilità di recuperare la lastra in modo accettabile.

Inutile intervenire affidandosi a colle rapide o prodotti similari pronti all’uso: per riparare il marmo recuperando la stabilità e la robustezza bisogna utilizzare colla per marmi (collanti speciali a due componenti, ovvero forniti con un tubetto di catalizzatore a parte che va miscelato al prodotto base in una misura del 2-3%.)

Provando a far combaciare le parti prima di procedere, ci sono buone probabilità che in superficie la fessura non si presenti netta, ma con bordi a tratti scheggiati e frammenti mancanti schizzati chissà dove in seguito all’urto.

Ebbene, la colla epossidica per marmo permette di ovviare anche a questi inconvenienti grazie al suo potere riempitivo: la si può applicare in eccesso, le semplici sbavature si eliminano prima dell’indurimento con un solvente appropriato o con una spatolina morbida per non causare graffi superficiali.

Le stuccature, dopo l’indurimento, possono essere levigate come la pietra, utilizzando tele abrasive a grana via via più fine, fino alla 500.

Per rendere meno visibile il ripristino delle scheggiature, prima dell’applicazione si può impastare il collante con un po’ di frammenti di marmo dello stesso colore ridotti in polvere.

Approfondimento sui prodotti per riparare il marmo:

I prodotti per riparare il marmo sono mastici a base epossidica o poliestere che induriscono tenacemente dopo miscelazione con catalizzatori specifici e possono resistere a temperature tra 0 e 100 °C.

Possono avere consistenza pastosa e tixotropica, per applicazioni in verticale, o piuttosto liquida, per un miglior riempimento delle superfici orizzontali.

L’unico rischio è che la catalisi provochi nel tempo un lieve ingiallimento del collante, ma ci sono prodotti, naturalmente meno a buon mercato, che garantiscono una buona trasparenza finale.

Come riparare il marmo

marmo rotto

Le parti da congiungere vanno accuratamente pulite e sgrassate (leggi la nostra guida per pulire il marmo). Il collante è solitamente fornito in un barattolo corredato di un tubetto di induritore: per poter effettuare la miscelazione serve un qualsiasi contenitore usa e getta, un bastoncino o altro per mescolare, una spatola per applicare e spianare la miscela e morsetti o cinghie per serrare i pezzi incollati.

unione con strettoi a cinghia

Si distribuisce il collante su una delle superfici, si accostano le parti e si serra con gli strettoi, da lasciare per 24 ore.

Il prodotto che fuoriesce può servire per livellare eventuali sbeccature della fessura, altrimenti va rimosso con un solvente adeguato, secondo i consigli del fabbricante.

tagliare il marmo

colla epossidica per marmo

Pezzi spessi o di dimensioni ragguardevoli possono sollecitare l’incollaggio anche dopo l’indurimento: in questi casi si può effettuare una sorta di “spinatura” di rinforzo utilizzando spezzoni di barra filettata Ø 6-8 mm.

Con i pezzi accostati, sulla faccia non a vista pratichiamo due o più incisioni larghe e profonde quanto basta ad annegarvi la barra, con un disco per pietra.

Le incisioni si riempiono di colla e vi si annegano le barre, che contribuiranno a contenere le sollecitazioni.

lucidare il marmo

Ad indurimento avvenuto, la superficie può essere lisciata con un raschietto usato con attenzione e lucidata con un prodotto pulitore per marmo ed una Paglietta bianca antigraffio, non abrasiva

Con la tela abrasiva bagnata e la pasta abrasiva si possono anche eliminare i graffi superficiali, strofinando pazientemente con movimenti circolari solo la zona interessata e passando a grana più fine.

Al termine si può lucidare con la sola pasta abrasiva stesa con un panno o con un disco di lana d’agnello.

AGT Tessere mosaico - Kit riparazione piastrelle: Set di riparazione WRS-11.fks per piastrelle, Piastrelle e maiolica (Kit di riparazione Piastrelle, Piastrelle riparazione Kit)
  • Nessuna fastidiosa sostituzione delle piastrelle • Bastoncini di cera in 11 colori • Pratica custodia • Anche riparare le aree danneggiate in pietra naturale, Marmo e cemento
  • Kit di riparazione per piastrelle, Piastrelle, Pietra naturale e marmo • Adattabile individualmente: Bastoncini di cera in 11 colori
  • Anche per terracotta, Vasi da fiori e altre superfici in ceramica adatte • In un caso pratico
  • Per graffi leggeri e profondi, Fori e lividi • Alimentazione per lo scioglitore di cera: 2 batterie AA (incluse)
  • Set per la riparazione del pavimento comprensivo di fonditore di cera, Raschietto per pulizia, Spatola, 11 bastoncini di cera dura, Spugna abrasiva, Pezza per pulire, Batterie, Custodia e istruzioni in tedesco/francese/spagnolo/italiano. Piastrelle riparazione Kit - Anche rilevante o appropriato per: Riparazione del suolo, Penna per correggere, calcolo Ceramica, Piastrelle per pavimenti, Penna per piastrelle, Fai da te, Cera dura, piastrella, professionale, cera, terra, Imposta, bagno
SINTOLIT LIQUIDO MARMO BIANCO ML.750
  • Mastice stucco per incollare o riparare marmi.
STUCCO PER MARMO,GRANITO,PIASTRELLE GIA COLORATO E PRONTO PER FAI DA TE,FACILE USO SENZA DOVER LEVIGARE,PROFESSIONALE USATO ANCHE DAI MARMISTI,3,5 EURO/CAD,CCOMUNICARE COLORE DOPO ACQUISTO
  • IL PREZZO E RIFERITO AD UNA BARRETTA, NON SONO LE BARRETTE DI CERA CHE SI USANO PER I MOBILI O LEGNO,SONO SPECIFICHE PER MARMO,COMUNICARE IL COLORE DOPO L'ACQUISTO CON VS MAIL, POICHè NON ESCE IN AUTOMATICO
  • NON è UN KIT DI TUTTI I COLORI,SI VENDE OGNI SINGOLO,DA APPLICARE SU PARTI CHE SIANO FERME.VISIONATE I NS VIDEO
  • LO STUCCO PIù FACILE DA USARE,GIà TINTO,SENZA DOVER POI LEVIGARE,POTETE MODIFICARE ANCHE VOI IL COLORE FACILMENTE
  • SONO BARRETTE MOLTO PIù GRANDI, PIù DURE E SPECIFICHE PER IL CALPESTIO TRA QUELLE IN VENDITA SU AMAZON,INFATTI SERVONO CIRCA 93 GRADI PER SCIOGLIERLE
  • ELEVATA RESISTENZA AL PASSAGGIO,AL LAVAGGIO ,SENZA SEGNARSI CON SCARPE,FACILITA DI MODIFICARE DA SOLI IL COLORE.LO STUCCO DEVE ESSERE SCIOLTO,NON RAMMOLLITO,E DA SCIOLTO SPATOLATO PIù VOLTE NEL PUNTO DA STUCCARE
SINTOLIT MARMO VERTICALE BIANCO ML.750
  • Mastice di colore Bianco verticale per stuccare,incollare marmo,pietra e granito.
RESINA SUPER TRASPARENTE tipo EM in bustine monodose 2+2 a due componento A+B zero ingiallimento
  • speciale per riparazioni di marmi e graniti
  • per incollare in modo assolutamente invisibile marmi cristallini
  • consigliata per i marmi più pregiati
  • estremamente trasparente e invisibile
  • ingiallimento zero garantito

Articoli simili

- Annunci -

Commenti

  1. Vorrei sapere se la causa delle crepe sul marmo possa essere un shock termico, causato, per esempio, da una pentola calda appoggiata direttamente sul piano in questione? Grazie

    • Buongiorno Tamara,

      Difficile che il marmo si crepi per uno shock termico dato da una pentola calda: più probabile che dipenda da urto (anche vecchio) la cui “cricca” si sta estendendo.

      In ogni caso evitare il contatto diretto con la pentola calda è buona cosa.

      Cordiali saluti.

    • Volevo sapere se è possibile che un tavolino in marmo si rompa con una semplice pressione.
      È possibile che sia un difetto di composizione del piano su cui è appoggiato che non compensa la portata del peso oppure altri difetti del marmo stesso?!

  2. Salve, ê la terza volta che si rompe il toro finale del marmo in cucina. Non so se è il caso di ripararlo nuovamente, ma mi dispiace tanto se non fosse possibile. Il problema è che vorrei fare un lavoro migliore con la lucidatura finale, ma non ci riesco. Suggerimenti? Grazie

  3. Buongiorno, ho una crepa importante sul piano di marmo, in prossimità del lavello (doppio e ad angolo). La crepa è sul bordo esterno al lavello, quindi nel punto “sottile” del marmo. Inoltre è un punto che prende sempre acqua. Come ripararlo e fare in modo che l’azione dell’acqua non continui a lavorare sulla crepa, come ha fatto finora?

  4. I muratori durante la ristrutturazione hanno rotto un pezzetto ( facendo sparire il pezzo mancante) di lastra di marmo rosa del portogallo che ricopre un muretto interno di un salone. Come posso riparare il danno, senza sostituire il tutto? Grazie.

    • Buongiorno Rita,

      La riparazione di un pezzo di marmo rotto può essere un compito delicato, ma è possibile farlo senza la necessità di sostituire l’intero pezzo. Di seguito sono riportati alcuni passaggi che potresti trovare utili:

      Pulizia: Prima di tutto, pulisci l’area danneggiata con un panno umido per rimuovere polvere e detriti.

      Stucco Epossidico: Acquista uno stucco epossidico trasparente o di colore simile al marmo rosa del Portogallo. Questo materiale è molto resistente e può essere colorato per abbinarsi al tuo marmo.

      Applicazione dello Stucco: Mescola lo stucco secondo le istruzioni del produttore e applicalo nell’area danneggiata con un raschietto o una spatola, cercando di riempire il buco il più possibile. Ricorda di lavorare rapidamente, poiché lo stucco epossidico indurisce in fretta.

      Livellamento: Una volta riempito il buco, livella lo stucco con il resto del marmo utilizzando un raschietto o una spatola. Togli l’eccesso di stucco.

      Asciugatura: Lascia asciugare lo stucco secondo le istruzioni del produttore. Di solito ci vogliono almeno 24 ore.

      Levigatura: Una volta che lo stucco è completamente asciutto, levigalo con carta vetrata a grana fine fino a quando la riparazione non è al livello del marmo circostante.

      Lucidatura: Infine, lucida l’area riparata con un prodotto specifico per il marmo per farla tornare a brillare come prima.

      Un cordiale saluto

  5. Salve, volevo chiedere se la presenza di una pompa di calore per ambienti domestici (la classica 12mila btu), adagiata sulla lastra di marmo del balcone di un vecchio edificio di oltre un secolo fa, possa essere causa o concausa di lesioni alla mensola stessa. Il marmo in questione è sorretto da elementi in metallo pure questi dell’epoca. La pompa di calore è adagiata in fondo a uno dei lati corti del balcone. Ovviamente quando il climatizzatore è in funzione l’elemento esterno (il compressore) genera vibrazioni. Grazie.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Tutorial Fai da te

Le guide di Almanacco

Progetti dei lettori

175,906FansLike
8,237FollowersFollow
97,382FollowersFollow
40,000SubscribersSubscribe