Lavorare il ferro

Tagliare il ferro e alluminio | Gli utensili da utilizzare

1
tagliare il ferro
 

Dall’archetto manuale alla moderna e potente troncatrice: tutti gli utensili e le macchine con cui tagliare il ferro (e altri metalli) senza fatica

Sapere come tagliare il ferro è molto importante per le attività fai da te, sebbene alla lavorazione di questo materiale ci sia arriva dopo molto tempo e dopo aver acquisita una certa esperienza con gli altri materiali, soprattutto il legno. Per tagliare il ferro in maniera precisa occorrono utensili specifici.


Anche se a prima vista i metalli (in particolare il ferro) possono apparire destinati a realizzazioni fredde ed impersonali rispetto al legno, il loro impiego garantisce maggiore solidità nella costruzione di opere sottoposte a sollecitazioni; la capacità di lavorare i metalli anche a freddo, sottoponendoli al taglio (taglio ferro in prima battuta) per poi collegare le parti con viti e bulloni o tramite saldatura, offre l’opportunità per apprezzarne la robustezza e la resistenza nel tempo.


Utensili per tagliare il ferro

La maggior parte degli elettroutensili da taglio può essere utilizzata sia per lavorare il legno, sia per i metalli, grazie alla possibilità di sostituire la lama a seconda del materiale da incidere: lo stesso trapano si trasforma in uno strumento da taglio se sul mandrino montiamo una sega a tazza per asportare porzioni circolari di materiale.

Il flessibile per tagliare il ferro si dimostra particolarmente versatile, potendo lavorare come strumento da taglio o come levigatrice a seconda del tipo di disco utilizzato; tra gli utensili manuali specifici per il taglio dei metalli ricordiamo la roditrice per sagomare facilmente tagliare lamiera e tagliare metallo sottile e la rotella tagliatubi, particolarmente apprezzata in campo idraulico per ottenere tagli “intestati” che facilitano il collegamento di spezzoni di tubazioni.

Smerigliatrice angolare

flessibile per ferro

Con questo elettroutensile è molto facile non solo tagliare i metalli, ma anche molare saldature, smussare o levigare grazie alla possibilità di utilizzare dischi da taglio o abrasivi.

I modelli più adatti per il bricolage hanno una potenza generalmente intorno ai 600-700 W ed una velocità di rotazione tra i 10000 ed i 12000 giri al minuto. Va usato con attenzione, in quanto la velocità di rotazione elevata può causare la frantumazione del disco con possibile proiezione di schegge.

Seghetti per ferro (archetto da ferro)

archetto da ferro

Conosciuto come “seghetto da ferro o seghetto per ferro”, deve il suo nome alla forma arcuata dell’impugnatura che costituisce altresì il supporto di una lama a dentatura fine con due fori alle estremità che ne permettono l’incastro su due terminali; la lama viene mantenuta in tensione avvitando un dado generalmente a galletto posto all’estremità opposta al manico.

Prima di procedere a tagliare il ferro, occorre tracciare la linea ed inciderla inizialmente con una lima a triangolo, per evitare che la lama della sega da ferro scivoli sulla superficie; si procede con movimenti lunghi per sfruttare tutto il tagliente esercitando un’adeguata pressione ad ogni passaggio.

Come tagliare ferro spesso con il seghetto

Se il pezzo è di un certo spessore, è bene non seguire un’unica linea di taglio, ma ruotarlo per evitare di ritrovarsi con un taglio non diritto sulla profondità: il buon risultato è affidato unicamente alla perizia di chi effettua il lavoro, con movimenti regolari ed una immancabile dose di olio di gomito.

A tale proposito consigliamo la lettura della nostra guida sulle tipologie e utilizzo dei seghetti per ferro

Cesoie per ferro

cesoie ferro

Attrezzo manuale dotato di due forti lame collegate a due robuste impugnature che possono essere simili a quelle di una grossa forbice nei modelli più semplici, oppure costituiti da due veri e propri manici quando occorre esercitare maggiore forza.

Con il termine generico di “cesoia” vengono classificati utensili da taglio molto diversi tra loro, pur essendo destinati ad uno scopo comune; oltre alle cesoie per il taglio di lamiere sottili, filamenti metallici o di laminati plastici, troviamo cesoie di varie dimensioni specifiche per il giardinaggio e cesoie per tagliare alluminio.

Vi sono modelli destinati a tagli che richiedono particolare tenacità e sono dotati di una doppia leva per disporre di maggiore forza; per il taglio di tondini e piattine di ferro, anche di alcuni millimetri di spessore, esistono dei modelli di cesoie da banco, costituite da una lama che rimane fissa mentre l’altra viene azionata da una lunga leva.

Roditrice

roditrice

Utensile manuale o elettrico che viene usato per tagliare la lamiera con rapidità, eseguendo anche tagli molto sagomati, senza correre il rischio di deformare i bordi: il principio di funzionamento è semplice e si basa sul movimento di una piccola lama, spessa qualche millimetro, che avviene con precisione all’interno di due ganasce fisse, asportando un truciolo di materiale che si arrotola davanti alla parte attiva.

La roditrice manuale per tagliare il ferro ha un costo del tutto abbordabile, consente di tagliare lamiere spesse fino a circa un millimetro ed è utilizzata, ad esempio, dai lattonieri e da chi mette in opera il cartongesso, mentre la versione elettrica è decisamente più costosa ed è riservata ad un uso prettamente professionale.

Seghetto alternativo

Trova il suo impiego ottimale nei tagli curvi o sagomati: una corta e robusta lama effettua numerose corse in senso verticale, permettendo di seguire fedelmente la tracciatura predefinita. Nelle versioni più complete, la velocità del tagliente è regolabile e con il movimento pendolare la lama si sposta in avanti nella fase attiva e riprende la posizione verticale nella fase di ritorno, riducendo al minimo la fatica dell’operatore.

Quasi tutti sono dotati di lame intercambiabili a seconda che si debba lavorare su ferro o su legno, nonchè della possibilità di inclinare la suola per tagliare il ferro a 45° sia a destra che a sinistra per realizzare tagli obliqui.

Rotella tagliatubi

giratubi

Si tratta di un attrezzo in metallo fatto a forma di morsetto, dotato di una rotella affilata e di due rulli di appoggio, che per mezzo di un vitone può essere applicato ad un tubo e stretto in modo che la rotella venga a contatto con il metallo. L’attrezzo si fa ruotare manualmente intorno al tubo in modo che la rotella penetri sempre di più; con questa operazione si ottiene un taglio rapido e molto pulito del tubo.

Seghetto da traforo

Il seghetto da traforo è una sega a lama guidata tenuta tesa da un tirante metallico o dall’elasticità dell’archetto: questo permette che la lama sia molto sottile, in quanto gli sforzi sono trasferiti sul telaio.

L’azione viene da un motore elettrico che non supera i 200 W e possono essere ad un perno, se l’arco è in un unico pezzo imperniato circa a metà del ramo inferiore, o a due perni, se è suddiviso in tre pezzi articolati.

Troncatrice

Con questo termine generico vengono identificate le macchine che sono in grado di tagliare un materiale con una angolazione ben precisa; al di là della destinazione d’uso, hanno una struttura molto simile: un basamento sul quale si articolano il motore e la parte attiva costituita da una lama circolare.

Il pezzo da tagliare viene bloccato da una morsa presente sul piano, mentre il supporto che ospita la lama è in grado di lavorare perpendicolarmente alla base. Per il ferro esistono diverse versioni: la troncatrice veloce, che utilizza un disco abrasivo e nella quale la testa può solo spostarsi in verticale e la troncatrice lenta, dove la parte attiva è costituita da una lama circolare che ruota a bassa velocità; quest’ultima è più adatta per tagli molto precisi su pezzi pieni, quali piatti e tondini.

Sempre più diffuse sono poi le troncatrici a nastro, dette anche segatrici: in questo caso, il gruppo motore-lama ha la forma di una sega a nastro e la lama è costituita da un nastro dentato, ottima per tagliare acciaio.

Vedi anche

1 Commento

  1. […] retto). Il ferro ammorbidito si può anche tagliare (a tal proposito consulta la nostra guida su come tagliare il ferro), con martelli speciali o con il tagliolo inserito nell’incudine, modellare con stampi e […]

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *